Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il giudice delle indagini preliminari ha convalidato il fermo dei due pregiudicati milanesi Luigi Spera e Pasquale Cianci, sorpresi mercoledì scorso a Milano mentre, al telefono, cercavano di estorcere denaro alla famiglia di Mike Bongiorno per farle riavere la salma del presentatore tv.

Spera e Cianci, difesi dagli avvocati Carlo Alberto Piro e Renato Ragozzino, restano quindi in carcere a Verbania.

Nell'udienza di convalida del fermo Spera si è avvalso della facoltà di non rispondere mentre Cianci ha ripetuto la versione data dopo l'arresto: "Non c'entriamo con la banda che ha trafugato la salma, volevamo soltanto fare soldi perchè siamo in difficoltà economiche".

Sul furto della bara, avvenuto nella notte tra il 24 e il 25 gennaio scorso dal cimitero di Dagnente di Arona, indagano la Procura di Verbania e i carabinieri di Arona e Novara. Si cerca una banda probabilmente composta da 4-5 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS