Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Mister Dati cantonali: segreto medico minacciato con nuovo sistema

I preposti svizzeri alla protezione dei dati temono un indebolimento del segreto medico con l'introduzione, nel 2012, del nuovo sistema di fatturazione delle prestazioni ospedaliere mediante somme forfettarie caso per caso. Bisogna limitare il grado d'accesso delle casse malattia alle informazioni mediche sui pazienti, afferma la loro associazione di categoria, Privatim.

Le casse esigono uno scambio automatico dei dati medici, vogliono la diagnosi dettagliata, ha spiegato in una conferenza stampa a Berna Bruno Baeriswyl, "mister dati" del canton Zurigo e presidente di Privatim, che riunisce preposti cantonali e comunali.

Uno scambio automatico è "completamente inutile", a suo avviso, nel nuovo sistema semplificato di indennità forfettarie. Le casse malattia procedono peraltro a controlli soltanto nel 5-10% dei casi. Soprattutto, lo scambio rischia di comportare abusi: i dati potrebbero infatti essere utilizzati a fini commerciali, per esempio nella scelta dei "buoni rischi" per l'assicurazione complementare.

Inoltre, con le possibilità tecniche attuali, il pericolo di furti di dati non va sottovalutato, ha detto Baeriswyl: le informazioni mediche sono interessanti per molti, non da ultimi i datori di lavoro e le case farmaceutiche.

Il nuovo sistema tariffario swissDRG (Diagnosis Related Groups), elemento centrale del riformato finanziamento degli ospedali, sarà introdotto l'anno prossimo. Ogni soggiorno in ospedale sarà classificato in un gruppo di patologie, cui corrisponderà una somma forfettaria precisa. Le casse malattia rimborseranno ai nosocomi le prestazioni mediche sulla base di questo tariffario, indipendentemente dai costi reali derivati dal trattamento del paziente.

Concretamente, i costi per ogni malattia e per ogni trattamento devono ancora essere fissati. Trattative sono in corso attualmente tra ospedali e assicuratori malattia nei cantoni, i cui contratti dovranno essere avallati dai rispettivi governi. I preposti sono preoccupati per il modo in cui i negoziati si sono svolti in alcuni di essi, come Zurigo e Lucerna: in entrambi, gli assicuratori hanno rivendicato lo scambio di dati medici dettagliati.

Affinché la protezione della sfera privata non venga dimenticata in certi cantoni, Privatim chiede una regolamentazione a livello svizzero. I preposti chiedono di essere coinvolti nelle trattative tra casse e ospedali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.