Navigation

MO: Naqba, scontri ad ambasciata Israele al Cairo, 24 feriti

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 maggio 2011 - 07:14
(Keystone-ATS)

Almeno 24 persone sono rimaste ferite ieri al Cairo vicino all'ambasciata d'Israele durante scontri tra forze dell'ordine e manifestanti che protestavano per il terzo giorno consecutivo in occasione dell'anniversario della Naqba, 'catastrofè, come è chiamata dagli arabi la nascita dello Stato ebraico nel 1948. Lo ha reso noto il ministero della Sanità egiziano, citato dall'agenzia Mena.

"I responsabili della sicurezza - ha aggiunto l'agenzia - sono riusciti a ristabilire la calma nel quartiere" dopo diverse ore di scontri, con l'intervento anche di militari che hanno tirato candelotti lacrimogeni e sparato in aria per disperdere centinaia di persone radunatesi vicino all'ambasciata, nel centro del Cairo.

"Gridando "via l'ambasciatore!", la folla chiedeva l'espulsione dell'ambasciatore di Israele e la rottura della relazioni diplomatiche con lo Stato ebraico.

La manifestazione si è svolta poche ore dopo i colloqui al Cairo di Amos Gilad, capo del dipartimento politico e di sicurezza del ministero della difesa israeliano, nella prima visita conosciuta di un responsabile israeliano in Egitto dopo la caduta del regime di Hosni Mubarak l'11 febbraio scorso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?