Navigation

Nazionale favorevole a reti di cure obbligatorie

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2011 - 11:58
(Keystone-ATS)

Le casse malattia dovrebbero proporre obbligatoriamente ai propri assicurati almeno un modello di rete di cure integrate (Managed Care). Contro il parere del Consiglio degli Stati, la Camera del popolo ha mantenuto stamani la sua decisione in questo senso. Il Nazionale ha pure respinto ogni compromesso concernente incitamenti finanziari per gli assicurati.

La destra, accusata dalla sinistra d'essere al soldo degli assicuratori, è nuovamente salita sulle barricate. Il numero delle reti di cure è aumentato senza che vi sia stato un obbligo di alcun genere. "Un matrimonio forzato" tra casse e medici refrattari potrebbe portare a un deterioramento della qualità, ha criticato Claude Ruey (PLR/VD).

Ma è stato tutto inutile: con 129 voti contro 52, i deputati hanno mantenuto l'obbligo nella legge. L'obiettivo è di fare delle reti di cure il modello base e di giungervi in fretta, ha ricordato il ministro della sanità Didier Burkhalter.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.