Navigation

Negoziati salariali:Impiegati Svizzeri rinunciano a rivendicazioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2010 - 16:09
(Keystone-ATS)

Zurigo - L'associazione Impiegati Svizzeri, che normalmente presenta le sue rivendicazioni salariali verso la fine di giugno, rinuncia per il momento a fare richieste generalizzate. Vista che la ripresa è ancora fragile nell'industria non vuole suscitare false speranze tra i lavoratori, precisa oggi in una nota.
Invece, nelle imprese che dispongono di mezzi finanziari, i collaboratori dovrebbero essere premiati in busta paga per i sacrifici fatti durante il periodo di crisi. L'associazione che contra 25'000 membri, analizzerà adesso la situazione con le commissioni aziendali per poi avanzare le rivendicazioni. Una richiesta generale sarà presentata solo in seguito.
L'anno scorso Impiegati Svizzeri non aveva avanzato richieste di aumenti salariali presso le imprese colpite dalla crisi ma questo con la premessa che salvaguardassero posti di lavoro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.