Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Iran ha affermato ieri sera che "risponderà con tutta la forza necessaria" ad un eventuale attacco, in risposta al discorso del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sulla necessità di un ultimatum, una "linea rossa", al programma nucleare iraniano.

"La Repubblica islamica dell'Iran è abbastanza forte da potersi difendere e si riserva il diritto di rispondere con tutta la forza necessaria a qualsiasi attacco", si legge in una dichiarazione del rappresentate iraniano all'Onu, Eshagh al-Habib.

La dichiarazione iraniana, che non era prevista, è stata presentata come "risposta alle accuse del primo ministro israeliano" ieri pomeriggio davanti all'Assemblea generale dell'Onu, nel quale Netanyahu ha comparato un Iran nucleare ad un'"al-Qaida armata di bombe atomiche".

"Per la seconda volta nella storia recente delle Nazioni Unite, un disegno immaginario ed infondato è stato utilizzato per giustificare una minaccia ad un membro fondatore dell'Onu", ha dichiarato al-Habib. Il rappresentante iraniano ha anche ribadito come il programma nucleare di Teheran sia "esclusivamente pacifico ed in piena conformità degli obblighi internazionali".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS