Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono 19 i morti provocati dall'esplosione di una bomba nel distretto tribale di Hangu, nel nord ovest del Pakistan. "Un ordigno è stato piazzato lungo la strada ed è scoppiato nel momento in cui la gente usciva dalla moschea dopo la preghiera del Venerdì", ha detto un funzionario della polizia.

Oltre alle vittime ci sono anche una trentina di feriti. L'esplosione è avvenuta nella città di Hangu (che dà il nome anche al distretto) in un momento di massimo affollamento.

Dopo la preghiera era infatti prevista una manifestazione di protesta contro le frequenti interruzioni di elettricità, che sono una piaga in tutto il Pakistan. La polizia ha intanto recintato la zona e gli investigatori sono al lavoro per raccogliere indizi sulla natura del forte scoppio che ha distrutto anche diversi veicoli. Non si esclude che sia stata opera di un attentatore suicida.

Il distretto di Hangu è considerato la "porta di ingresso" nel confinante territorio di Kurram, al confine con l'Afghanistan, parzialmente controllato dai talebani e con forti tensioni tra i sunniti e la minoranza sciita.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS