Navigation

Peter Knogl è il cuoco dell'anno 2011, secondo GaultMillau

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2010 - 14:58
(Keystone-ATS)

BERNA - Peter Knogl è il cuoco dell'anno 2011. Lo chef del ristorante "Cheval Blanc" dell'hotel basilese "Les Trois Rois" è stato insignito oggi dalla celebre guida gastronomica GaultMillau. Hotel dell'anno è invece l'Eden Roc di Ascona (TI).
Knogl, cittadino germanico di 42 anni, è un seguace della cucina francese e ha ottenuto 18 punti su 20. I suoi piatti sono caratterizzati da una "una sorprendente leggerezza e dall'uso di salse intense", afferma GaultMillau in una nota.
Il numero di ristoranti svizzeri che hanno ottenuto una valutazione di 19 punti su 20 è di sei. Si tratta dei locali di Philippe Rochat cuoco ticinese dell'anno(Crissier/VD), Bernard Ravet (Vufflens-le-Château/VD), Philippe Chevrier (Satigny/GE), Didier de Courten (Sierre/VS), André Jaeger (Sciaffusa) e Andreas Caminada (Fürstenau/GR).
Quanto all'Hotel Eden Roc, sono apprezzati soprattutto il suo nuovo centro termale e i suoi tre ristoranti, accreditati rispettivamente di 16, 15 e 13 punti. Il cuoco ticinese dell'anno è invece Ambrogio Stefanetti, del Ristorante vecchia osteria di Seseglio (TI), che ottiene 16 punti.
In Ticino quattro ristoranti guadagnano un punto: il Forni di Airolo (14), l'Osteria del centro di Comano (14), l'Osteria del centenario di Locarno (14) e il Canvetto ticinese di Brissago (13). Quattro nuovi locali entrano in classifica con 13 punti: il Marina dell'Hotel Eden Roc di Ascona, l'Ambrosia al Gargantini e il Splendide Royal a Lugano, e La Sorgente a Vico Morcote.
Il ristorante Aphrodite dell'hotel Giardino di Ascona perde invece un punto e va a quota 15. GaultMillau ha invece rinunciato a valutare il Motto del Gallo a Taverne, "uno dei tavoli più interessanti degli ultimi decenni" a causa della situazione "poco chiara" del ristorante.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?