Navigation

Portogallo contro agenzie di rating

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2011 - 19:53
(Keystone-ATS)

La Procura della Repubblica di Lisbona ha deciso di avviare una inchiesta sulle tre principali agenzie internazionali di rating, Fitch, Moody's e Standard and Poor's, per presunte "pratiche abusive" dopo una denuncia presentata a fine aprile da quattro economisti, riferisce la stampa portoghese.

La procura ha confermato l'avvio delle indagini ma non ha dato altre indicazioni, in nome della confidenzialità dell'azione penale, scrive Diario de Noticias online. I quattro economisti portoghesi, Josè Reis e Josè Manuel Pureza della Università di Coimbra, Manuel Brandao e Maria Manuela Silva dell'Istituto Superiore di Economia e Gestione (Iseg) avevano presentato una denuncia contro Moody's, Fitch e Standard & Poor's dopo il ricorso del Portogallo a un piano di salvataggio Ue-Fmi, accusandole di un presunto reato di "manipolazione del mercato".

Secondo Josè Reis le principali agenzie di rating "dominano oltre il 90% del mercato internazionale" ed è "necessario verificare se le leggi sulla concorrenza sono rispettate". L'economista, rileva Diario de Noticias, ha inoltre sottolineato che due di queste agenzie hanno nella loro struttura di proprietà "lo stesso fondo di investimento" e che le loro decisioni, "che influenzano i tassi di interesse", hanno un impatto significativo sull'indebitamento dei paesi e "possono colpire la loro stabilità finanziaria ed economica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?