Navigation

PS chiede un'imposta sulle successioni di patrimoni milionari

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2011 - 13:49
(Keystone-ATS)

Il Partito socialista è favorevole ad un'imposta nazionale sulle successioni per cofinanziare l'AVS. I circa 150 delegati, riuniti oggi a Olten (SO), hanno approvato all'unanimità il lancio di un'iniziativa popolare in questo senso.

L'assenza quasi totale di imposte di successione in Svizzera é una delle cause dell'estrema disuguaglianza nella ripartizione della ricchezza, ha spiegato l'economista zurighese Hans Kissling. Il reddito che produce un patrimonio di diversi milioni di franchi inoltre è ancora più scandaloso del salario dei manager, ha aggiunto.

I piccoli redditi e la classe media saranno protetti. Il testo prevede infatti che siano tassate solo le successioni di patrimoni di oltre due milioni di franchi. Sono previste anche disposizioni speciali per i proprietari di piccole e medie imprese e i contadini per evitare di mettere in pericolo gli eredi e i posti di lavoro. Inoltre l'imposta non si applica ai coniugi, ai partner registrati e alle associazioni caritative.

In base al testo, gli introiti dell'imposta, che potrebbero raggiungere i cinque miliardi, andranno per due terzi alla Confederazione e un terzo ai cantoni. Berna dovrebbe destinare i soldi all'AVS per permettere di rendere flessibile l'età di pensionamento.

L'iniziativa raggruppa oltre ai PS, il Partito evangelico, i Verdi, i sindacati e altre organizzazioni. La raccolta di firme inizierà alla fine dell'estate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?