Navigation

Schlatter torna nelle cifre nere: utile di 17 milioni nel 2010

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2011 - 09:51
(Keystone-ATS)

Schlatter è tornata nelle cifre nere: la società attiva nelle tecniche di saldatura ha chiuso l'esercizio 2010 con un utile netto di 200mila franchi, di fronte a una perdita di 17 milioni registrata l'anno precedente.

Come già annunciato a fine gennaio, le vendite sono state di 119,7 milioni di franchi, in calo del 5,5% rispetto al 2009, anno in cui il fatturato si era praticamente dimezzato.

Torna in positivo anche il risultato operativo (EBIT), passato da una perdita di 18,9 milioni nel 2009 a +400mila franchi lo scorso anno. Forte espansione anche per gli ordini in portafoglio, cresciuti del 28,5% a 109,7 milioni.

Circa l'esercizio 2011, il gruppo zurighese punta su una ripresa dei mercati: secondo Schaltter per molte società esiste un importante bisogno di recuperare i ritardi causati dalla riduzione degli investimenti effettuata negli ultimi due anni. I mercati più interessanti sono in Asia (principalmente Cina e India) e in Sudamerica.

Per continuare a rafforzare la stabilità finanziaria del gruppo, il Cda propone all'assemblea degli azionisti di rinunciare al versamento di un dividendo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?