Navigation

Siria: ambasciatore Francia ad Hama in segno solidarietà vittime

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 luglio 2011 - 14:23
(Keystone-ATS)

L'ambasciatore di Francia in Siria, Eric Chevallier, è andato in visita nella città ribelle di Hama per "testimoniare l'impegno della Francia al fianco delle vittime" della repressione: lo riferisce il ministero degli esteri di Parigi.

Chevallier i è recato ieri nella città centro dell'attuale rivolta contro il regime del presidente Bashar al-Assad per manifestare "l'impegno della Francia al fianco delle vittime, della popolazione civile", ha detto a Parigi il portavoce del ministero degli Esteri francese, Bernard Valero, precisando che il diplomatico si è anzitutto recato in uno dei principali ospedali della città dove ha incontrato "le equipe mediche, i feriti, e le loro famiglie". "La Francia - ha proseguito Valero - ribadisce la sua preoccupazione riguardo il destino degli abitanti della città di Hama e la sua condanna delle violenze perpetrate in Siria da parte delle autorità contro i manifestanti e la popolazione civile".

Ieri, il dipartimento di Stato Usa aveva riferito che l'ambasciatore degli Stati Uniti in Siria, Robert Ford, si è recato anch'egli ad Hama, suscitando una dura reazione da parte delle autorità siriane.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?