Navigation

Siria: attivisti, 23 uccisi nelle ultime ventiquattro ore

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2011 - 12:26
(Keystone-ATS)

Sono 23 i civili siriani uccisi nelle ultime 24 ore in diverse località del Paese, scosso da oltre sette mesi di proteste anti-regime e conseguenti repressione. Lo riferiscono i Comitati di coordinamento locali, piattaforma degli attivisti, che forniscono una lista dettagliata delle vittime.

L'agenzia ufficiale Sana riferisce dal canto suo dell'uccisione da parte di terroristi di una studentessa di Homs, Zeinab al Hallaq, e dell'uccisione da parte di agenti di un numero imprecisato di terroristi, sempre nella terza città siriana a nord di Damasco. Il sito Internet del Centro di documentazione delle violazioni in Siria, collegato ai Comitati di coordinamento locali, pubblica la lista dettagliata delle 23 vittime delle ultime ore: di queste, 12 civili sono stati uccisi a Homs, dove non compare però il nome della studentessa.

Una studentessa, di nome Zeinab ma di cognome Saqqa, risulta invece tra le vittime di spari di arma da fuoco delle forze fedeli al presidente Bashar al Assad esplosi nella regione centrale di Hama, dove sono morte altre quattro persone. Altre tre vittime nella regione meridionale di Daraa, altre due a Duma e Daraya, sobborghi di Damasco e un'altra nella regione nord-occidentale di Idlib.

Secondo gli attivisti dal 15 marzo ad oggi sono 3.656 le uccisioni accertate in Siria, mentre 12.215 le persone attualmente in stato di arresto da parte dei servizi di sicurezza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?