Navigation

Strauss-Kahn: pagata cauzione 1 mln ma lui ancora in carcere

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 maggio 2011 - 20:42
(Keystone-ATS)

I legali dell'ex direttore del Fondo Monetario Internazionale, Dominique Strauss-Kahn, hanno reso noto di aver pagato oggi la cauzione di un milione di dollari prevista per la scarcerazione del loro cliente, ed aver fornito le garanzie richieste di un deposito di altri 5 milioni.

Tuttavia Strauss-Kahn non ha ancora potuto lasciare il carcere di Rikers Island, dove è detenuto da lunedì scorso. Lo potrà fare solo quando "tutte le condizioni a cui la sua liberazione è soggetta saranno stati onorati" ha detto il giudice della Corte Suprema dello Stato di New York, Michael Obus, ai legali di Strauss-Kahn.

Strauss-Kahn deve fornire la prova che alloggerà in un appartamento di Manhattan, e che l'appartamento è dotato dei requisiti richiesti, tra cui un sistema di gps, dotazione necessaria per 'monitorare' Strauss-Kahn 24 ore su 24, attraverso il braccialetto elettronico che gli sarà applicato quando lascerà il carcere.

Gli avvocati dovrebbero tornare davanti al giudice per le 14:30 (le 20:30 in Svizzera) per fornire gli ulteriori elementi cautelari richiesti. Nel corso della mattinata una piccola folla di giornalisti si è radunata davanti ad un immobile dell'East Side dove si ritiene che Anne Sinclair, la moglie di Strauss-Kahn, abbia preso in affitto un appartamento.

Intanto il fondo monetario internazionale ha reso noto oggi che Dominique Strauss-Kahn riceverà 250 mila dollari di liquidazione. L'FMI ha precisato che l'ex direttore generale riceverà compensi minori per quanto riguarda la pensione e i pagamenti relativi.

Strauss-Kahn aveva assunto l'incarico all'Fmi nel settembre del 2007, accordandosi per un compenso di 420.930 dollari all'anno, che è stato aggiornato anno dopo anno in funzione del tasso di inflazione. L'ex direttore generale ha ricevuto anche un'indennità annuale di 73.350 dollari, a sua volta adeguata al tasso di inflazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?