Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LOSANNA - La multa va pagata anche se il tachimetro è difettoso: lo ha stabilito il Tribunale federale respingendo il ricorso di un motociclista, pizzicato presso Andermatt (UR) mentre sfrecciava a 131 chilometri orari su un tratto di strada dove la velocità è limitata a 80 km/h.
Il centauro, cui era stata inflitta una multa di 2600 franchi e una pena pecuniaria con la condizionale, ha cercato di difendersi affermando che il tachimetro della sua moto, da poco acquistata, era difettoso: segnava 20 km/h meno della velocità effettiva, come dimostrato da una perizia del TCS.
I giudici di Losanna sono però rimasti inflessibili: il ricorrente, in base al rombo del motore e soprattutto alla velocità degli altri veicoli, avrebbe dovuto capire che stava oltrepassando i limiti.

SDA-ATS