Navigation

TG: "kosovaro dei rifiuti", governo non dice quanto costa a Stato

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 maggio 2011 - 16:53
(Keystone-ATS)

Il Consiglio di Stato turgoviese si rifiuta di fornire informazioni in parlamento sui costi provocati allo Stato da un kosovaro 55enne da tempo in rotta con le autorità e diventato famoso per aver riempito il giardino di rifiuti. Secondo l'esecutivo deve prevalere la tutela della sfera privata dell'interessato, un personaggio ritenuto attaccabrighe e detestato dalla comunità in cui vive.

Arrivato in Svizzera nel 1990 quale rifugiato politico l'uomo si è trasferito a Bürglen (TG) nel 1998, "creando problemi sin dall'inizio", secondo la ricostruzione fatta a suo tempo dal sindaco Armin Eugster (PPD). Il suo caso diventa di interesse nazionale quando per protesta contro le autorità e il proprietario della sua casa, che cercava senza successo di liberarsi di lui, comincia ad ammucchiare i rifiuti in giardino, creando una montagna di spazzatura maleodorante che sarà poi portata via solo cinque mesi più tardi, nel settembre 2010. In tal modo diventa un personaggio mediatico, guadagnandosi l'appellativo di "Müll-Kosovare" (kosovaro del pattume: espressione che il consiglio della stampa ha stabilito essere lecita) e rilasciando interviste a più testate, in cui non manca di avanzare pesanti critiche sui suoi compaesani.

Cominciano a fioccare anche gli interventi politici: uno di questi è stato ora evaso dal governo turgoviese. Il granconsigliere UDC Urs Martin chiedeva se fosse corretto che la famiglia dell'uomo - che ha quattro figli - incassi 6300 franchi al mese fra invalidità, rendite per figli e prestazioni complementari e domandava se esistono le basi legali per espellerlo dal paese. Il Consiglio di Stato non dà però soddisfazione al deputato: per motivi di protezione dei dati non è possibile rispondere ai quesiti inoltrati, ha fatto sapere oggi l'esecutivo. Il governo riconosce che l'esigenza di trasparenza appare lecita: l'interesse pubblico è però limitato dai diritti della personalità del singolo individuo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?