Navigation

Thailandia: anche ambasciata svizzera potrebbe trovarsi sott'acqua

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2011 - 17:17
(Keystone-ATS)

Bangkok si prepara a un fine settimana di apprensione di fronte al rischio che le inondazioni allaghino l'intera capitale. In questo caso anche la zona attorno all'ambasciata svizzera si troverebbe sott'acqua. È quanto ha indicato all'ats l'ambasciatrice Christine Schraner Burgener.

La rappresentanza elvetica a Bangkok è stata informata che se cedono le barriere di protezione il livello della piena potrebbe superare il mezzo metro di altezza sulle strade, ha precisato la diplomatica.

L'ambasciata svizzera, che rappresenta a Bangkok 1'200 cittadini, ha inviato un SMS a tutti gli elvetici registrati. Nel caso in cui avessero bisogno di aiuto per lasciare temporaneamente la capitale thailandese, dovrebbero annunciarsi presso la sede dell'ambasciata.

Ieri il Dipartimento federale degli affari esteri ha consigliato ai cittadini svizzeri di lasciare provvisoriamente Bangkok. L'ambasciatrice elvetica mette però in guardia contro un eccessivo allarmismo: la piena nella capitale thailandese non è così pericolosa come potrebbe esserlo uno tsunami, poiché l'acqua non sale in modo altrettanto rapido.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?