Navigation

Truffa del falso nipote: 150 mila franchi

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2011 - 12:09
(Keystone-ATS)

Continua a imperversare in Svizzera la "truffa del falso nipote". A Basilea Città, dall'inizio dell'anno, sono stati segnalati cinque nuovi casi, di cui tre sono andati a segno. Complessivamente alle vittime sono stati sottratti circa 150 mila franchi.

Un comunicato della procura basilese indica che una donna di 70 anni ha consegnato a una persona che si spacciava per suo parente soldi in contanti e gioielli per un ammontare di 110 mila franchi.

Un'altra pensionata, di 80 anni, ha dal canto suo affidato a un corriere 20 mila franchi, destinati anche in questo caso a un sedicente parente in presunte difficoltà finanziarie. Il "falso nipote" ha però telefonato, dicendo che la somma era insufficiente, e l'anziana donna ha allora donato anche i suoi gioielli, del valore di 10 mila franchi.

La terza vittima è una donna di 74 anni: il truffatore è riuscito a spillarle 10 mila franchi affermando che aveva bisogno urgentemente di denaro per acquistare un appartamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?