Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Continua a imperversare in Svizzera la "truffa del falso nipote". A Basilea Città, dall'inizio dell'anno, sono stati segnalati cinque nuovi casi, di cui tre sono andati a segno. Complessivamente alle vittime sono stati sottratti circa 150 mila franchi.

Un comunicato della procura basilese indica che una donna di 70 anni ha consegnato a una persona che si spacciava per suo parente soldi in contanti e gioielli per un ammontare di 110 mila franchi.

Un'altra pensionata, di 80 anni, ha dal canto suo affidato a un corriere 20 mila franchi, destinati anche in questo caso a un sedicente parente in presunte difficoltà finanziarie. Il "falso nipote" ha però telefonato, dicendo che la somma era insufficiente, e l'anziana donna ha allora donato anche i suoi gioielli, del valore di 10 mila franchi.

La terza vittima è una donna di 74 anni: il truffatore è riuscito a spillarle 10 mila franchi affermando che aveva bisogno urgentemente di denaro per acquistare un appartamento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS