Navigation

Tunisia: muore in fila per votare, è già un 'martire'

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2011 - 11:26
(Keystone-ATS)

Non se ne conosce il nome, ne l'età, ma è già stato definito "martire" della Tunisia, come le vittime della "rivoluzione dei gelsomini". È l'uomo che ieri sera è morto per un infarto mentre in fila aspettava di votare ad Hammam Ghezaz, una delle circoscrizioni elettorali di Nabeul.

Mohamed Afif, presidente del seggio, uno dei primi ad accorrere quando l'uomo s'è accasciato per un attacco cardiaco, lo ha celebrato come un "martire", riferisce radio Shems. "Pur di votare e partecipare a questa giornata storica per il Paese - ha detto Afif - ha affrontato una lunga attesa, ben cosciente delle sue condizioni fisiche precarie".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?