Navigation

Ucraina: esplosione in miniera, almeno 16 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 luglio 2011 - 08:36
(Keystone-ATS)

Un'esplosione avvenuta nella notte in una miniera nella regione di Lugansk, in Ucraina, ha ucciso almeno 16 minatori. Lo rende noto l'agenzia Interfax che cita fonti della Protezione civile locale. Dieci minatori risultano al momento dispersi mentre altri due sono stati ricoverati in ospedale.

L'esplosione è avvenuta nella notte, probabilmente a causa di una fuga di gas metano, mentre un gruppo di 28 minatori stava lavorando a circa 900 metri di profondità nella miniera di Sukhodolskaia-Vostochnaia, una delle più pericolose dell'Ucraina. Il 9 giugno del 1992, 63 persone vi erano rimaste uccise ed altre 100 ferite in un'esplosione di gas e polvere di carbone. Il 13 agosto del 2006 un incidente simile provocò otto morti e cinque feriti.

Quella di Sukhodolskaia-Vostochnaia è una delle miniere più ricche del paese. Le sue riserve di carbone sono stimate in 157,4 milioni di tonnellate e la produzione annuale si aggira attorno ai 157,4 milioni di tonnellate.

Il ministro dell'Energia e delle risorse minerarie, Iuri Boiko, si è recato sul luogo dell'incidente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.