Navigation

Ungheria: Fango Rosso; altro comune dichiarato "chiuso"

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2010 - 15:23
(Keystone-ATS)

BUDAPEST - Il comune Devecser, in parte colpito dall'esondazione di fango rosso di cinque giorni fa, è stato dichiarato "chiuso" da Polizia e Protezione civile: i circa 6.000 abitanti sono pronti all'evacuazione e sono stati messi a disposizione 127 veicoli militari, assieme a cinque vagoni ferroviari.
Metà degli abitanti ha già lasciato il comune spontaneamente e ora nessuno viene fatto più entrare in paese dalle forze dell'Ordine.
Secondo esperti, sembra molto probabile che un argine a nord del deposito causa del disastro possa cedere e che altri circa 500 mila metri cubi fango rosso si possano riversare sui due comuni, Kolontar e Devecser. Kolontar era stato completamente evacuato stamattina. I soccorritori stanno costruendo un nuovo argine, più lontano dal deposito, per contenere l'eventuale arrivo del nuovo fango inquinante.
A Devecser si è riunito un Comitato di difesa e sta ascoltando Zoltan Bakonyi, amministratore delegato della Mal, l'azienda responsabile del disastro ecologico. (ANSA).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.