Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Negli Stati Uniti l'inflazione ha segnato un rialzo mensile dello 0,5% a febbraio dopo il +0,4% di gennaio. È la crescita più forte da giugno 2009.

Il risultato, scrive Bloomberg, supera la stima di un incremento dello 0,4%. L'indice "core" (al netto delle componenti alimentare ed energia) è salito dello 0,2% contro la stima di un +0,1%.

Su base annua l'indice generale dei prezzi al consumo è salito al 2,1% contro il +1,6% registrato a gennaio, e l'indice "core" ha evidenziato un aumento dell'1,1%. A spingere l'inflazione sono soprattutto i prezzi dell'energia e dei generi alimentari.

Intanto la produzione industriale in febbraio è scesa dello 0,1%, comunica la Fed. La capacità di utilizzazione degli impianti è scesa a 76,3% da 76,4%.

Dal canto loro le richieste di sussidio di disoccupazione sono diminuite di 16'000 unità la scorsa settimana, a quota 385'000. Il dato è sostanzialmente in linea con le attese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS