Navigation

Usa: processo a Guantanamo per attacco a USS Cole

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2011 - 21:30
(Keystone-ATS)

Il saudita Abd al-Rahim al-Nashiri sarà processato da un tribunale militare nella basa americana di Guantanamo, a Cuba, quale sospettato numero uno del micidiale attacco di al-Qaida al cacciatorpediniere USS Cole, avvenuto in Yemen nell'ottobre del 2000. Lo ha stabilito oggi un alto funzionario del Pentagono che ha così accolto la richiesta di incriminazione di al-Nashiri formulata ad aprile dal procuratore militare, per omicidio, terrorismo e altri crimini.

Dall'inizio della presidenza Obama, questo è il primo rinvio a giudizio davanti al tribunale militari di Guantanamo di un imputato che rischia la pena di morte, ed è stato deciso dall'ammiraglio a riposo Bruce McDonald.

Nashiri, un saudita di origine yemenita, attualmente detenuto a Guantanamo, era secondo l'accusa "responsabile della pianificazione e preparazione" dell'attacco alla USS Cole. Nel micidiale attacco all'unità americana messo a segno con una piccola imbarcazione-bomba, nel porto di Aden, morirono 17 marinai americani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?