Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - L'amministrazione americana rafforza il proprio "arsenale" per la lotta al deficit con "un nuovo strumento", ovvero poteri per tagliare le spese già votate e approvate ma ritenute non necessarie. A chiederli è il presidente, Barack Obama, che presenta un progetto di legge in base al quale, dopo il passaggio di qualsiasi misura di spesa, il presidente ha 45 giorni di tempo per eventualmente presentare un pacchetto di tagli che dovrà essere approvato dal Congresso entro 25 giorni.
La proposta "fa parte delle più ampie misure prese dal presidente per tenere sotto controllo e ridurre il deficit" spiega il responsabile del bilancio della Casa Bianca, Peter Orszag. "Si tratta di un altro strumento, che ha ad aggiungersi all'arsenale già dispiegato, per ridurre le spese non necessarie. Non è ovviamente una panacea, ma è un importante strumento in più", aggiunge Orszag. In passato l'ex presidente Bill Clinton aveva cercato di instaurare una misura simile che prevedeva un veto del presidente sulle spese. La corte suprema però l'aveva ritenuta anti-costituzionale. "Contrariamente al veto, questo progetto rispetta perfettamente le prerogative costituzionali" del presidente.
L'iniziativa di Obama arriva mentre alcune misure per l'aumento della spesa americana approderanno alla camera domani. A meno di sei mesi dalle elezioni di medio termine, le azioni di aumento della spesa dividono i democratici oltre a incontrare l'opposizione dei Repubblicani: con le elezioni a breve e gli attacchi repubblicani per aver fatto lievitare il debito e il deficit, molti democratici si mostrano restii a firmare nuovi aumenti della spesa.
La Casa Bianca prevede che il deficit raggiunga i 1.500 miliardi di dollari nell'anno fiscale che si chiuderà il 30 settembre, circa il 10% in più rispetto agli 1,41 miliardi di dollari dell'anno precedente. La proposta Obama sarà "particolarmente efficace nel limitare i programmi non basati sul merito o quelli che rappresentano uno spreco o un duplicato", osserva la Casa Bianca in una nota. Per individuare strade per ridurre il deficit, Obama ha creato una commissione e proposto il congelamento della spese discrezionali non legate alla difesa.

SDA-ATS