Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il lupo della valle di Goms, nell'alto Vallese, è stato abbattuto ieri sera dai guardacaccia mentre stava assaltando un gregge di pecore. L'abbattimento è avvenuto nel perimetro autorizzato venerdì scorso, ha indicato stamane in una nota la presidenza del Consiglio di Stato vallesano, precisando che una pecora è rimasta ferita.

Conformemente alla Strategia Lupo Svizzera, il predatore abbattuto è stato consegnato alla clinica veterinaria (Tierspital) di Berna per essere analizzato, aggiunge il comunicato. L'abbattimento era stato ordinato lo scorso 29 agosto dal consigliere di Stato Jacques Melly.

Uno o più predatori hanno ucciso 39 pecore tra il 21 luglio e il 24 agosto nella zona in questione. Attacchi alle greggi erano già stati rilevati la scorsa primavera. I guardacaccia disponevano di 60 giorni per abbattere l'animale nella zona in cui sono stati commessi i danni.

Secondo i criteri fissati dalla Confederazione nella sua Strategia Lupo, l'animale può essere abbattuto se ha ucciso entro un'"area adeguata", per esempio una vallata, "almeno 35 animali da reddito nell'arco di quattro mesi consecutivi o almeno 25 animali da reddito nell'arco di un mese".

Per il WWF, l'uccisione del lupo di Goms è nondimeno un "errore e un'azione dalla vista corta". Convinto che la risposta al problema sia il fucile, il Cantone impedisce di applicare soluzioni adeguate, scrive l'organizzazione ambientalista.

Pro Natura, dal canto suo, ha l'intenzione d'incontrare il capo del Dipartimento dell'ambiente Jacques Melly allo scopo di "trovare soluzioni per le pecore e per il lupo". Entrambe le associazioni invitano il Vallese a sostenere gli allevatori nella messa in opera di misure di protezione delle greggi.

L'abbattimento dei lupi - sottolineano Pro Natura e il WWF - non potrà impedire il ritorno naturale del predatore nella valle di Goms, "porta d'entrata" naturale per i lupi provenienti dall'Italia o dai Grigioni.

La regione non sembra tuttavia disposta a fare da "porta d'entrata". In giugno, i sindaci dei comuni della vallata avevano preso ufficialmente posizione contro la presenza del predatore. Il Gran consiglio aveva votato successivamente una risoluzione per la soppressione immediata del lupo di Goms.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS