Navigation

Wikileaks: Human Rights Watch a Obama, non processi Assange

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 dicembre 2010 - 09:42
(Keystone-ATS)

WASHINGTON - Anche Human Rights Watch si schiera a favore di Julian Assange. Il noto osservatorio a tutela dei diritti umani e civili ha scritto una lettera al presidente americano, Barack Obama, e al ministro della Giustizia Eric Holder, in cui si chiede loro di non perseguire legalmente il fondatore di Wikileaks in nome della difesa della libertà d'espressione e d'informazione garantita dalla Costituzione americana e dal diritto internazionale.
"Incriminare ora Assange - scrive Dinah PoKempner, consigliere generale di Hrw - per aver pubblicato documenti riservati rappresenterebbe un terribile precedente che verrebbe subito seguito da altri governi, soprattutto quelli che puntano a mettere la museruola alla libera stampa".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.