Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente dello Yemen, Ali Abdallah Saleh, ha detto "resisto", affermando che la maggioranza del popolo yemenita è con lui. Lo afferma la tv al-Arabiya. Non è chiaro dove Saleh abbia fatto le sue dichiarazioni.

Da parte sua il ministro della difesa Mohammad Nasser Ali, secondo una nota di cui è venuta in possesso l'agenzia Reuters, in anticipo su un discorso che il ministro ha annunciato, ha indicato che l'esercito sostiene il presidente e lo difenderà contro ogni "golpe contro la democrazia".

Intanto però cinque ambasciatori dello Yemen in Europa chiedono le dimissioni di Saleh. Lo riferisce il rappresentante diplomatico yemenita a Parigi. In mattinata, gli ambasciatori dello Yemen in Siria e Arabia Saudita avevano già annunciato la volontà di unirsi alla contestazione contro il regime al potere.

Gli ambasciatori yemeniti a Parigi, Bruxelles, Ginevra e Berlino, e il console a Francoforte, ha riferito all'agenzia France presse (Afp) l'ambasciatore a Parigi Khaled al-Akwaa, "hanno inviato un messaggio al presidente Saleh chiedendogli di rispondere alle esigenze del popolo e di dimettersi per evitare spargimenti di sangue". Al messaggio si è associato anche l'ambasciatore dello Yemen a Cuba. "Contiamo sulla saggezza del presidente, affinché metta l'interesse del paese al di sopra del proprio".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS