Prospettive svizzere in 10 lingue

Quali soluzioni sarebbero le più adeguate per rimediare alla carenza di manodopera qualificata?

Moderato da: Samuel Jaberg

Come molti altri Paesi, la Svizzera è confrontata con un’importante carenza di manodopera qualificata. Quasi 100’000 posti di lavoro vacanti sono stati registrati nel primo trimestre del 2022, un record. Cosa bisognerebbe fare per risolvere questo problema? È un fenomeno che colpisce anche la vostra azienda o il vostro settore d’attività? Discutetene con noi!

Dall’articolo Le aziende svizzere e la spietata carenza di braccia e cervelli


Articoli più popolari

Partecipa alla discussione!

I contributi devono rispettare le nostre condizioni di utilizzazione. Se avete domande o volete suggerire altre idee per i dibattiti, contattateci!
Michaela Ruppert Smith
Michaela Ruppert Smith
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Sono nata a Zurigo e ho vissuto in Svizzera fino all'età di 9 anni, quando i miei genitori sono immigrati negli Stati Uniti con me. In seguito ho studiato negli Stati Uniti in eccellenti scuole private, tra cui una scuola d'élite per la preparazione al college, dove ero la prima della classe e ho ricevuto il premio per l'eccellenza al momento del diploma. Ho poi studiato in uno dei college femminili più apprezzati della Ivy League o Seven Sisters negli Stati Uniti. Avendo sempre parlato tedesco a casa, non è stato sorprendente che abbia scelto il tedesco come materia principale all'università, con il francese in seconda posizione, e che abbia studiato germanistica all'Università di Monaco durante il mio terzo anno all'estero. Mio padre era nato a Zurigo, come me, e la sua famiglia svizzera risaliva a molte generazioni fa. Ha parlato con me in svizzero-tedesco fino alla sua morte, avvenuta all'età di 85 anni. Le origini della famiglia svizzera di mia madre risalgono all'Ottocento, nella parte francese della Svizzera. Negli Stati Uniti la nostra famiglia era molto attiva nella locale società svizzero-americana e mio padre ne divenne presidente. A ciò seguì la sua candidatura a Console svizzero onorario della nostra città e la sua elezione a Berna per tale carica. Nel frattempo mi ero laureata e lavoravo come segretaria trilingue in Svizzera durante una pausa dagli studi. Dopo due anni sono tornata negli Stati Uniti e ho conseguito un master e un dottorato presso un'eccellente università. In quel periodo ho sposato un collega laureato e ci siamo presto trasferiti in Svizzera come professori universitari e abbiamo insegnato in un college americano per due anni prima di tornare negli Stati Uniti per continuare la nostra carriera.

All'età di 58 anni e con 3 figli grandi ho vissuto la fine del mio matrimonio con un divorzio. È stato allora che ho deciso di tornare in Svizzera per il resto della mia vita.
All'inizio le cose sono andate bene. Sebbene un amico svizzero mi avesse avvertito che in Svizzera le donne che cercavano un lavoro nel mondo degli affari potevano anche rinunciare dopo i 42 anni, ho avuto la fortuna di non lavorare nel mondo degli affari, ma nel campo dell'istruzione. Sapevo già, però, che senza aver avuto una carriera illustre, solo una media carriera da insegnante universitaria più 2 anni di insegnamento del francese in un liceo (e con un certificato di insegnamento liceale valido per tutta la vita), non ero qualificata né per un posto di insegnante universitario svizzero né per un posto in un liceo o in un ginnasio svizzero. Così ho fatto domanda presso una nota scuola internazionale svizzera e sono stata immediatamente assunta.

Ho continuato a insegnare in diverse scuole internazionali svizzere, accettando lavori con contratti di 2 o 3 anni. A 63 anni una collega mi chiese improvvisamente dove sarei andata l'anno successivo. Non sapevo perché me lo chiedesse. Oh, ma sai che l'anno prossimo devi andare in pensione", mi rispose. Rimasi sbalordito. Era la prima volta che sentivo parlare delle regole svizzere per la pensione. Ero in ottima salute, piena di energia e piena di amore per l'insegnamento. Quando interrogai la direttrice scolastica e pregai di continuare, mi fu detto che il Consiglio scolastico avrebbe dovuto essere informato e che avrebbe preso una decisione. Mi fu concesso un anno in più. Incredula, mi rimisi immediatamente sul mercato del lavoro e finii per essere assunta, all'età di 64 anni, in un'ottima scuola internazionale nella parte francese più liberale della Svizzera.

All'età di 66 anni ho visto un annuncio per una posizione combinata di media dirigenza e insegnamento in una delle università private svizzere di fama mondiale. Ho fatto il colloquio e, data la mia esperienza combinata di insegnamento americano e svizzero e di gestione, sono stato immediatamente assunto all'età di 66 anni. Ho continuato a insegnare con un ottimo reddito svizzero per i due anni successivi. A quel punto l'università è stata venduta e improvvisamente ero "troppo vecchio" per continuare a svolgere il mio lavoro. Con la perdita di questo lavoro, ho perso la possibilità di trovare di nuovo un lavoro a tempo pieno in Svizzera e, con questo, la perdita di qualsiasi reddito da lavoro, la perdita della possibilità di mantenere il mio appartamento o il tenore di vita a cui ero abituata, ma soprattutto la perdita del mio sogno di vivere la mia vita in Svizzera. Non avevo lavorato abbastanza a lungo in Svizzera per accumulare una vera e propria pensione o AVS e le mie piccole pensioni americane
che si erano anch'esse ridotte durante il periodo dell'inflazione negli Stati Uniti, non sarebbero state sufficienti per permettermi di vivere senza assistenza al costo della vita in Svizzera. Non volendo diventare un caso di assistenza sociale, tornai negli Stati Uniti con il cuore spezzato, ma fiduciosa di trovare presto un lavoro da insegnante.

Pochi mesi dopo il mio ritorno trovai effettivamente un lavoro come cosiddetto "professore aggiunto" in un buon college. Avevo 68 anni e, pur non avendo una posizione a tempo pieno, non volevo iniziare una nuova ricerca di lavoro e, insieme alla mia pensione, questo flusso costante di reddito sarebbe stato sufficiente. All'età di 69 anni ho tentato di nuovo di ottenere un posto di insegnante in Svizzera, questa volta in un'ottima scuola internazionale a Ginevra. Avevo più delle qualifiche richieste, la procedura di candidatura è andata molto bene e ho ottenuto un colloquio telefonico. Il colloquio è andato benissimo ed ero sul punto di essere assunta quando il vicepreside ha improvvisamente detto che doveva fare un'ultima domanda: "Qual è la sua data di nascita?".
Alla mia risposta c'è stato un istantaneo cambiamento del loro tono di voce, da un tono di gioia a uno di smarrimento. Ci dispiace molto, mi dissero. Il nostro direttore non ci ha permesso di assumerla. Gli intervistatori erano sinceramente dispiaciuti, perché per quanto io pensassi di aver trovato il lavoro perfetto, loro pensavano di aver trovato il loro candidato ideale.

Negli Stati Uniti ho continuato a insegnare fino all'età di 75 anni. All'età di 73 anni sono riuscita a raccogliere i miei risparmi e a versare un acconto basso per una bella casa a due piani in un bel quartiere. Come donna di 73 anni con un reddito piccolo ma sufficiente, non ho avuto problemi a ottenere un mutuo trentennale a prezzi accessibili. La bella casa a due piani che può ospitare i miei figli e nipoti per le visite è costata poco più di 300.000 dollari. Il mutuo e i costi di manutenzione sono accessibili con un reddito modesto. Anche nel XXI secolo gli Stati Uniti si sono dimostrati ancora una volta la terra delle opportunità d'oro, come lo sono stati per i miei genitori, che hanno realizzato negli Stati Uniti ciò che all'epoca sarebbe stato impensabile in Svizzera.

La mia opinione sull'apparente mancanza di impiegati di servizio in Svizzera è che ciò comporterebbe un radicale cambiamento di paradigma mentale e culturale da parte degli svizzeri. Basta con l'ageismo! Accogliete e valorizzate i vostri lavoratori esperti invece di spingerli fuori dalla porta a 65 anni per non farli mai più tornare. Offrite alle donne una vera parità di diritti sul posto di lavoro, a casa e secondo la legge. Rivedete radicalmente le vostre concezioni culturali ed economiche del XIX secolo. Siate innovativi anche in campo socio-economico, voi che vi vantate di essere innovativi in altri settori. Aprite i vostri cuori agli "Auslandsschweizer:innen" che hanno conservato l'amore per il nostro bel Paese nei loro cuori, nelle loro menti e nelle loro azioni.

I was born in Zurich and lived in Switzerland until age 9 when my parents immigrated to the United States with me. I was subsequently educated in the United States at excellent private schools, including an elite college preparatory school, where I was at the head of the class and received the award for excellence upon graduation. I then studied at one of the most highly regarded women’s Ivy League or Seven Sisters colleges in the US. Having always spoken German at home it was not surprising that I chose German for my major field in college, with French a close second and that I studied Germanistik at the University of Munich for my junior year abroad. My father was born in Zurich like me and his Swiss family background went back many generations. He spoke Swiss-German with me until his death at age 85. My mother‘s Swiss family background can be traced well into the 1800‘s in the French part of Switzerland. In the United States our family was very active in the local Swiss-American society and my father eventually became its president. This was followed by his nomination to become our city’s nominee for Honorary Swiss Consul and his election by Bern for the position. In the meantime I had graduated from college and was working as a tri-lingual secretary in Switzerland while taking a break from studies. After two years I returned to the states and subsequently earned my MA and PhD from an excellent University. During that time I married a fellow graduate student and we soon moved to Switzerland as college professors and taught at an American College for 2 years before returning to the states to continue our careers.

At age 58 and with 3 grown children I experienced the end of my marriage in divorce. It was then that I took steps to return to Switzerland for the rest of my life.
At first things went well. Although a Swiss friend had warned me that in Switzerland women seeking a job in business might as well give up after about age 42, I was fortunate not to be in business but in the field of education. I already knew, however, that without having had an illustrious career, just an average college teaching career plus 2 years teaching French at a high school (and with high school teaching certificates valid for life) , I qualified neither for a Swiss university teaching position nor for a Swiss secondary or Gymnasium position. Thus I applied at a well-known Swiss international school and was immediately hired.

I went on to teach at several Swiss international schools, as I accepted jobs with a 2 or 3 year contract. When I was 63 a colleague suddenly asked me where I would go next year. I didn’t know why she was asking me this. Oh, but you know you have to retire next year, she replied. I was stunned. This was the first I had heard of Swiss retirement rules. I was in excellent health and full of energy and abounding in love of teaching. When I questioned the school director about this and begged to continue, I was told the School Board would have to be informed and they would make a decision. An extra year was granted to me. Incredulous, I immediately went back on the job market and ended up being hired at age 64 by a fine international school in the more liberal French part of Switzerland.

At age 66 I saw an ad for a combined mid-management and teaching position at one of Switzerland’s world renowned private universities. I went on the interview and, given my combined American and Swiss teaching and some management background I was immediately hired at age 66. I went on to teach for an excellent Swiss income—for the next 2 years. At that point the university was sold and I was suddenly “too old” to continue at my job. With the loss of this job, I lost the possibility of ever being able to find a full-time job in Switzerland again and, with this, the loss of any gainful income, the loss of the ability to keep my apartment or the standard of life I was used to, but worst of all, the loss of my dream of living out my life in Switzerland. I had not worked long enough in Switzerland to accumulate a proper pension or AHV and my small US pensions
that had also dwindled during the period of inflation in the US would be insufficient for me to live without assistance at the cost of living in Switzerland. Unwilling to become a social welfare case, I returned to the United States broken-hearted but confident that I would soon find a teaching job.

A few months after my return I did indeed find a job as a so-called „adjunct professor „ at a good college. I was 68 and while not having a full-time position, I did not want to begin a new job search, and combined with my pensions this steady stream of income would be sufficient. At age 69 I tried again to get a teaching job in Switzerland, this time at a fine international school in Geneva. I had more than the required qualifications, the application process went very well and I got a phone interview. The interview went on splendidly and I was on the verge of being hired when the Vice-Principal suddenly said he had to ask one final question: “What is your date of birth?”
Upon my reply there was an instantaneous shift of their tone of voice from one of delight to one of loss. We’re so sorry, they told me. Our director would not let us hire you. The interviewers were genuinely sorry, for as much as I had thought I had still found the perfect job, they had thought they had found their ideal candidate.

In the states I went on to teach until age 75. At age 73 I was able to gather my savings and put a low down payment on a beautiful 2-story house in a lovely neighborhood. As a 73-year old woman with a small, but sufficient income, I had no trouble getting a 30-year affordable mortgage. The beautiful 2-story home that can accommodate my children and grandchildren for visits cost just over $300,000. The mortgage and maintenance costs are affordable on a small income. Even in the 21st century the United States has proved itself to be the land of golden opportunity once again, like it had been for my parents, who achieved in the United States what would have been unthinkable in Switzerland at that time.

My take on the apparent lack of service employees in Switzerland is that it would involve a radical mental and cultural paradigm shift on the part of the Swiss. Stop your ageism! Welcome and value your experienced workers instead of shoving them out the door at age 65 never to return. Offer women true equal rights in the workplace, at home and under the law. Fundamentally revise your 19th century cultural and economic understandings. Be innovative in the socio-economic realm, too, you who pride yourselves on innovation in other areas. Open your hearts to the “Auslandsschweizer:innen” who have kept their love of our beautiful country in their hearts and minds and acts.

Issy
Issy
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.
@Michaela Ruppert Smith

Ciao Michaela, la tua storia è certamente quella di una persona che ama la vita e che è adattabile, flessibile e ama la sua vocazione. Sembra una grande perdita per Schweiz 🇨🇭 il fatto che il tuo sesso e la tua età vengano messi contro di te - sembra molto antiquato. In molti Paesi è illegale chiedere l'età a chi fa domanda di lavoro. Tuttavia, quando sono tornata in Australia dopo aver lavorato in un college del cantone di Vaud, la mia età, 55 anni all'epoca, mi ha impedito di rientrare nel mio settore come senior designer. In precedenza ero stato titolare di un mio studio di design. È stato necessario un costoso master in arte e design per trovare un lavoro! Tutto quello che volevo era tornare a vivere e lavorare a Vaud. Eravamo partiti prima per la salute del marito. Ora ho 71 anni e vivo su un'isola, un protettorato del Regno Unito, vorrei ritirarmi in Svizzera 🇨🇭 ma i miei figli, che hanno la necessaria esperienza nel settore Fintech, non possono lavorare lì, poiché il Regno Unito è ora un terzo Paese (!!) e gli svizzeri non fanno parte dell'UE - quindi a cosa serve il divieto di lavoro? Continuo quindi a sperare che gli svizzeri rivedano in qualche modo le loro regole sul lavoro. Sembrerebbe che sia necessaria una nuova visione di questi regolamenti. Spero tanto che non vi arrendiate! Non lo farò! Buona fortuna (i miei figli hanno frequentato la St George molti anni fa) Isobelle

Hello Michaela, your history is certainly that of someone whom loves life and you are adaptable, flexible and love your vocation. It seems a great loss to Schweiz 🇨🇭 that your gender and age is held against you- it seems very old fashioned. It many countries it is illegal to ask a job applicants age. However when I returned from working in a college in Vaud canton to Australia, I was dreadfully blocked by my age, 55 at the time, to rejoin my industry as a Senior designer. I had in fact owned my own design firm there previously. It took an expensive Masters in Art and Design to get a job! All I wanted was to return to live and work in Vaud. We had left earlier for husband’s health. Now I‘m 71 and living on an isle, a UK protectorate, I wish to retire to Schweiz 🇨🇭 but my sons who have the much needed specialist Fintech expertise are unable to work there, as UK is now third national country (!!) and the Swiss aren’t in the EU - so what’s the employment ban for? So I still remain hopeful that somehow the Swiss review their employment rules. It would seem it needs a very new look at these regulations. I do so hope you don’t give up! I will not! Best of luck (my children went to St George’s many years ago) Isobelle

Santoshbmisse@yahoo.com
Santoshbmisse@yahoo.com
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Per risolvere il problema, credo fermamente che si possano portare risorse umane dall'India.

Ci sono molte risorse umane qualificate e ben istruite.

Possiamo facilmente formarle e plasmarle in base ai requisiti richiesti!

Sono pronto ad aiutare e ad essere associato a questo aspetto.

To solve the problem, i strongly believe, we can bring human resources from India.

There are plenty of skilled , well educated human resources are available.

We can very easily train them, mould them, as per the requiremnts to a greater extent !

I am ready to help and get associated in this aspect.

ABCFEFG
ABCFEFG
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Circa un milione di cittadini svizzeri vive all'estero, di tutte le età. Sono culturalmente legati alla Svizzera e sono arricchiti dall'esperienza internazionale di vita all'estero, ma devono affrontare ostacoli se intendono tornare, spesso a causa delle barriere linguistiche e delle differenze cantonali nel nostro sistema educativo, o perché i diplomi di scuola superiore di alcuni Paesi (Stati Uniti e Canada, ad esempio) non sono automaticamente riconosciuti. Credo che i giovani svizzeri all'estero siano una risorsa importante e trascurata, con il potenziale per integrarsi rapidamente e contribuire alla forza lavoro, alla crescita e all'innovazione, all'identità nazionale. Che ne dite di incoraggiare l'immigrazione di ritorno, magari nella fase della formazione professionale e universitaria? O nella fase di specializzazione, master e dottorato? Fornendo una rete efficace e un tutoraggio che risponda alle loro esigenze, cioè che non sia limitato dagli ostacoli linguistici (che alcuni di questi giovani potrebbero dover prima migliorare o imparare?), fornendo sostegno a coloro che non hanno più una famiglia in Svizzera? Migliorando e aggiornando le offerte per i giovani svizzeri all'estero? Mettendoli in contatto con le organizzazioni esistenti, come le università e le scuole professionali, SwissNex o le organizzazioni professionali nei settori di cui hanno bisogno, come quello sanitario? Facilitando corsi di lingua online o di persona per i ragazzi all'estero? Collegandosi con le rappresentanze e le società svizzere per fornire informazioni e consigli mirati sulle possibilità di formazione? Assumendo personale in base ai risultati e al talento? In un modo o nell'altro, gli Svizzeri all'estero (e non solo i giovani) sono ai miei occhi una potenziale risorsa e sembra che, pur essendo cittadini, siano spesso dimenticati.

About one million Swiss citizens live abroad, of all ages. They are culturally connected with Switzerland, and are enriched by their international experience of life abroad, but they face hurdles if planning to return, often because of language barriers and cantonal divide in our education system, or because high school diplomas from certain countries (US and Canada for example) are not automatically recognized. I believe the young Swiss abroad are an important and neglected asset, with the potential of integrating fast and contributing to the workforce, to growth and innovation, to national identity. What about encouraging return immigration, perhaps at the stage of vocational, professional and college education? Or at the stage of specialization, master and PhD? By providing an effective network and mentorship that addresses their needs, i.e. is not limited by language hurdles (which some of these young people may need to first improve or learn?), by providing support for those who no longer have family in Switzerland? By improving and updating the offers for the young Swiss abroad? By connecting them with existing organizations such as universities and professional schools, SwissNex, or professional organizations in areas of need, such as healthcare? By facilitating online or in person language classes for kids abroad? By connecting with Swiss representations and societies to provide targeted information and advice on education options? By recruiting based on achievement and talent? One way or another, Swiss abroad (and not only the young) in my eyes are a potential asset and it seems that, although citizens, are often forgotten.

critique
critique
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Il problema principale è che entrano troppe persone nel Paese e quelle sbagliate. Ci sono troppe persone che accettano lavori che non sono così difficili da riempire. È un circolo vizioso: più persone arrivano che non colmano le lacune critiche (come infermieri o ingegneri), più le lacune esistenti diventano ampie e se ne creano di nuove.

The main problem is that too many people are coming into the country and the wrong ones. There are too many people coming in taking jobs which are not as hard fill. It's a vicious circle - the more people come in who do not fill critical gaps (such as nurses or engineers) the wider the existing gaps become, and new gaps come up.

Issy
Issy
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.
@critique

I miei figli sono ingegneri e hanno fatto domanda per un lavoro, ma sono stati bloccati perché non hanno più lo status di cittadini dell'UE, avendo vissuto in precedenza in Svizzera, un luogo che amano. Le loro preziose competenze sono bloccate dai passaporti britannici. La Svizzera non fa parte dell'UE, quindi perché bloccare i cittadini britannici?

My sons engineers and have applied for jobs but blocked as they no longer have EU status having previously lived in Switzerland, a place they love. Their valuable skills blocked by UK passports. Switzerland isn’t in the EU so why block UK citizens.

Angrezs@hotmail.com
Angrezs@hotmail.com
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Carenza di lavoratori qualificati? Carenza di comprensione da parte dei reclutatori che scelgono solo ciò che rientra nella lista di controllo e passano quelli che hanno competenze parziali, questo è il problema qui ci sono molte persone che sono disoccupate dall'IT ma non sono rispettate dal fatto che potrebbero essere riqualificate se accettate da persone che non capiscono effettivamente per cosa stanno reclutando nell'IT, Mi sono state date scuse del tipo: hai bisogno di un CFC per fare lo stesso lavoro che faccio io da 30 anni e perché è trentennale l'esperienza c'è un altro livello di ageismo che entra in gioco con risposte del tipo: abbiamo un team giovane qui o la tua lingua madre tedesca non è il tedesco dialettale locale, e allora??? Avete bisogno di una persona esperta o di qualcos'altro? Con tutte queste pretese.

Shortage on skilled workers??? Shortage in understanding by recruiters who only pick what fits on the checklist and by pass those have partial skills, this is the problem here there are many people who are unemployed from IT but are not respected by the fact that they could be retrained if accepted by people who do not actually understand what they are recruiting for in IT, I have been given excuses such as you need a CFC to do the same job I have been doing for 30 years and because it’s thirty years the experience there is another level of ageism that comes into play with answers like we have a young team here or your German mother tongue is not local dialect German, So what ??? You need an experienced person or something else? Under all that pretence.

Issy
Issy
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.
@Angrezs@hotmail.com

Esattamente " da persone che non capiscono effettivamente cosa stanno reclutando nel settore IT" Gut Glük

Exactly „ by people who do not actually understand what they are recruiting for in IT“ Gut Glük

Svetlana25
Svetlana25
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Vivo in un piccolo paese vicino a Zurigo, in un insediamento favorevole alle famiglie. La stragrande maggioranza delle donne che hanno figli intorno a me non lavora affatto, oppure svolge lavori part-time che richiedono meno impegno e offrono minori opportunità di carriera. La Svizzera ha questo modello tradizionale in cui gli uomini lavorano e fanno carriera e le donne sono lì per sostenerli e per prendersi cura dei figli e della casa. È comprensibile che le donne scelgano di rimanere a casa per diversi anni quando hanno figli, semplicemente perché i costi dell'assistenza all'infanzia sono astronomici, e non sono molte le famiglie che possono permettersi di avere due o anche più figli e di pagare la Krippe, il Mittagstisch o l'Hort. E le più vulnerabili sono le famiglie monoparentali. La Svizzera è un Paese moderno sotto molti aspetti, ma è molto indietro rispetto a molti Paesi meno sviluppati (ad esempio l'Europa dell'Est) in termini di uguaglianza sociale tra uomini e donne. Se il Paese avesse avuto una migliore assistenza all'infanzia, molte di queste donne avrebbero potuto contribuire all'economia.

I live in a small village near Zurich in a family friendly settlement. The vast majority of women having children around me either do not work at all, or work part-time jobs that require less commitment and offer poorer career opportunities. Switzerland has this traditional model where men work and pursue their careers and women are there to support them and to take care of children and household. It is very much understandable that women choose to stay home for several years when having kids simply because the costs of childcare are astronomical, not many families can afford having 2 or even more children and pay for the Krippe, Mittagstisch, or Hort. And the most vulnerable among those are single parent families. Switzerland is a modern country in many aspects, however is far behind many less developed countries (take Eastern Europe for example) in terms of social equality between men and women. If the country had better childcare many of those women could have contributed to economy

Saycco
Saycco
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da DE.

Non credo che si debba sempre e solo guardare ai rifugiati, ai giovani e agli anziani che andavano in pensione solo a causa della tredicesima AVS, nel nostro paese ci sono sei disoccupati che non hanno un'istruzione o hanno solo un'istruzione di base. E che dire di loro, alcuni dei quali, tra l'altro, sono sovraqualificati? Devono lavorare duramente ogni giorno per trovare un lavoro e continuano a essere rifiutati, perché non li sosteniamo?
Tra poco compirò 40 anni e vorrei iniziare un secondo apprendistato, ma il Cantone e lo Stato non ti aiutano finanziariamente, nemmeno l'Iv e il Rav, anzi, dicono addirittura che dopo i 40 anni non si possono più soddisfare i requisiti di un apprendistato. Perché? Penso che sia importante mantenere il cervello in forma per la salute e a maggior ragione a 40 anni. Come appartenente al ceto medio, voglio intraprendere una professione migliore. Ciò che è ancora più importante per me è trovare un'azienda che mi sostenga e mi insegni le competenze tecniche. Rimarrei sicuramente più di 4-5 anni, forse anche di più, con un buon stipendio e un buon supporto?

Posso solo dare la mia opinione e non posso parlare per tutti coloro che hanno tra i 35 e i 45 anni (o anche fino ai 50). Ma non si parla mai di loro, non li si nomina e non li si sostiene, anzi, gli si dice letteralmente in faccia "devi vedere tu stesso come vai avanti, noi sosteniamo solo i giovani o i rifugiati, persone molto povere, tu come svizzero sei abbastanza ricco per finanziarti da solo".

Alla fine, è davvero colpa della mancanza di manodopera qualificata o piuttosto delle elevate richieste dei datori di lavoro? Io vedo semplicemente che l'umanità si sta in qualche modo perdendo attraverso l'IA e la perfezione.

Ich finde man sollte nicht immer nur auf Flüchtlinge, auf Jugendliche und auf Alte Schauen die früher sich jetzt Pensionieren nur wegen dem 13. AHV, es gibt ix Arbeitslose in unserem Land die entweder keine oder nur eine grundausbildung haben. Was ist mit denen, davon gibt es überigens auch einige die überqualiviziert sind? Die sich sicher jeden Tag abschuften um eine Stelle zu finden und immer wieder absagen bekommen, warum fördert man diese nicht?
Ich bin bald 40ig würde so gerne eine 2te ausbildung angehen, kanton und Staat helfen einem nicht Finanziell, iv und Rav helfen einem Finanziell auch nicht, im gegenteil es heisst sogar das man ab 40ig nicht mehr die Anforderungen einer ausbildung durchhält. Warum? Ich finde das ist doch gerade wichtig auch für die Gesundheit sein gehirn fitt zu behalten und das erst recht mit 40ig. Als eine die zum mittelstand gehöre um eine Besseren Beruf nachzugehen. Was für mich sogar wichtig ist eine Firma zu finden die mich fördert und mir die Fachliche Kompetenzen bei bringt. Würde ich sicher mehr als 4-5 jahre bleiben, vielleicht sogar länger bei gutem Lohn und guter förderung?

Ich kann nur die Sicht von mir wieder geben und nicht für jeden zwischen 35ig und 45ig (oder sogar bis 50ig) reden. Aber es wird nie von diesen geredet, erwähnt oder gefördert im gegenteil, im grunde sagt man einem wort wörtlich ins Gesicht "du musst selber schauen wie du weiter kommst, wir fördern nur Jugendliche oder Flüchtlinge, menschen die sehr arm sind, du als Schweizer/in bist reich genug um das selber zu finanzieren" klar das wut langsam aufkommt dabei.

Liegt es den Wirklich am ende an den Frachkraftmängel oder doch eher an den Hohen anforderungen der Arbeitgeber? Ich sehe einfach das Menschlichkeit irgend wie durch KI, sowie der Perfektion verloren geht.

simon.mukoro.74@gmail.com
simon.mukoro.74@gmail.com
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Io sono un richiedente asilo In, quello che suggerisco è che il mercato del lavoro svizzero dovrebbe prendere in considerazione i richiedenti asilo competenti e abbandonare l'abitudine al razzismo contro i colori e la cultura e integrare le persone nella forza lavoro. E consigliare ai datori di lavoro di rivolgersi a coloro che hanno un background di lingua inglese. Credo che questo aiuterà a rafforzare la carenza di manodopera nel Paese. Un'altra cosa è che dovrebbero cercare di gestire coloro che hanno barriere linguistiche con sistemi come il lavoro e la scuola di lingua, in modo che il processo di integrazione possa essere più veloce. Con la presente, consiglio di non trascurare o sottovalutare i richiedenti asilo, perché la maggior parte di noi può contribuire al vivace sviluppo dell'economia del Paese. Grazie 🙏 Simon mukoro

I an asylum seeker In, what am suggesting is that I labor market for Switzerland should consider competent asylum seekers and throw away the habit of racism against colours and culture and integrate the people into the labour force. And advice employers to do with those that have the English speaking background. I think that will help to reinforce the labour shortage in the country. And another thing is they should try to handle those with language barriers with system like working and going to language school so integration process could be faster. I hereby advised that asylum seekers on this matter should not be overlooked upon or underestimated, because most of us a can contribute to the vibrant development of the country's economy. Thanks 🙏 Simon mukoro

critique
critique
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.
@simon.mukoro.74@gmail.com

Dici sul serio?

Are you serious about that?

DougDu
DougDu
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Ho l'impressione che in Svizzera ci siano crepe lungo tutte le linee di stress: casa, lavoro, sanità...
Mi chiedo come si risolverà la situazione.
Non ci sono abbastanza lavoratori? Davvero? O forse non abbastanza per il salario offerto? Perché? Perché gli svizzeri non sono disposti a lavorare per il compenso offerto? Perché i cittadini dell'UE non vengono a prenderlo?

I feel that there are cracks along all stresslines in Switzerland: housing, employment, medical...
Wonder how this is going to be resolved.
Not enough workers? Really? Or may be not enough for the salary offered? Why so? Why Swiss are not willing to work for the compensation offered? Why EU folks do not come over to pick it up?

critique
critique
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.
@DougDu

Cosa?

What?

richard.knapp@futurehorizonseducation.com
richard.knapp@futurehorizonseducation.com
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Il sistema educativo svizzero potrebbe diventare più mirato per riflettere le esigenze in termini di posti di lavoro futuri e preparare i giovani attraverso un curriculum più pertinente. Anche il sistema di istruzione superiore svizzero potrebbe essere reso più attraente per gli studenti stranieri, in modo da attirare un maggior numero di talenti nel Paese.

The Swiss education system could become more focused to reflect the needs in terms of future jobs and prepare young people through a more relevant curriculum. The Swiss Higher Education system could also be made more attractive to overseas students to attract greater talent into the country.

Major Wedgie
Major Wedgie
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

La Svizzera deve innanzitutto concentrarsi sulla formazione dei propri cittadini. I giovani hanno troppi ostacoli che impediscono loro di diventare pienamente qualificati. Eppure il governo è disposto a importare persone che non sono state sottoposte agli stessi standard elevati dei giovani svizzeri. L'esodo di lavoratori qualificati da altri Paesi è solo una soluzione a breve termine a un problema creato da noi stessi.

Switzerland needs to concentrate on training up its own people first. The young people have too many obstacles thrown in their way to allow them to become fully skilled. Yet the government is willing to import people who have not been held to the same high standard as the Swiss young people. Poaching skilled workers from other countries is just a short term solution to a problem of our own creation.

Bruno Barde
Bruno Barde
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Grave carenza di manodopera qualificata in Canada, che causa l'elevata immigrazione e la mancanza di alloggi.
Ciò comporta un aumento degli affitti e dei prezzi degli immobili.
Anche una questione politica come negli Stati Uniti.

Major shortage of skilled workers in Canada, driving high imigrations and lack of housing.
This drives higher rents and property prices.
Also political issue like in the US.

Lacroix Elena
Lacroix Elena
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.

Una linea d'azione logica e normale sarebbe quella di investire massicciamente nella formazione professionale dei giovani, incoraggiandoli ad intraprendere corsi di studio che offrano lavoro, piuttosto che lunghi corsi universitari in un momento in cui c'è carenza di persone altamente qualificate in tutte - o quasi - le professioni.
La settimana lavorativa di 42/45 ore era una consuetudine e un giorno dovrà tornare se la Svizzera vuole uscire dall'impasse occupazionale. I giorni delle vacanze, delle ferie e dei viaggi stanno finendo e la società del tempo libero appartiene al passato.

Une piste logique et normale serait d'investir massivement dans la formation professionnelle des jeunes, les encourager dans les filières pourvoyeuses de travail, plutôt que les études universitaires longues alors que les hautes qualifications dans tous - ou presque - les métiers sont déficitaires.
La semaine de 42/45 heures était chose courante, il faudra bien un jour y revenir si la Suisse veut sortir de l'impasse en matière d'emploi. Les temps des congés, vacances, voyages arrivent à leur terme, la société des loisirs appartient au passé.

Salmon-Lake-Thun
Salmon-Lake-Thun
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.

Salve,
Mio figlio ha studiato informatica all'Università di Montreal (un'università riconosciuta in questo campo!). Ha inviato 80 CV e non ha ottenuto nessun colloquio in tutta la Svizzera francese. Le aziende vogliono la pecora a 5 zampe: giovane (quindi economico!) con 20 anni di esperienza!
Ha trovato un ottimo lavoro presso un fondo canadese che gestisce l'equivalente di 350 miliardi di franchi svizzeri ed è leader mondiale negli investimenti in PE e infrastrutture. È giusto dire che non ci meritiamo il successo che stiamo avendo. Devo precisare che mio figlio è svizzero

Bonjour,
Mon fils a fait des etudes d'informatiques à l'Université de Montreal (université reconnue dans ce domaine !). Il a envoyé 80cv et n'a obtenu AUCUNE interview dans toute la Suisse romande. Les sociétés veulent le mouton à 5 pattes: jeune (donc pas cher!) avec 20 ans d'expérience !
Il a un super poste dans un fonds canadien qui gere l'équivalent de chf350 milliards, leader mondial dans les investissements en PE et infrastructures. On peut dire qu'on ne merite pas le succès que l'on a. Je precise que mon fils est suisse

YERLY
YERLY
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.

Il settore pubblico e dei servizi è malato. I suoi slogan: grandi stipendi, poco lavoro, tante ferie e vacanze. Due dipendenti per uno.
Questa malattia si sta pericolosamente diffondendo al settore primario e secondario, con effetti di aumento del costo della vita insopportabili per la classe media.

Le secteur tertiaire et public est malade . Ses slogans : gros salaires, peu de travail, beaucoup de congés et vacances . Deux employés pour en avoir un à disposition.
Cette maladie, se transmet dangereusement dans les secteurs primaires et secondaires, avec des effets de croissances des coûts de la vie insupportable pour la classe moyenne.

YERLY
YERLY
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.

La demografia importata non è più sopportabile. L'altissimo tasso di abitanti per km2 sta distruggendo il clima del nostro Paese. Troppe persone, troppe auto, che richiedono sempre più personale. Troppe persone nel settore terziario (il 50% delle quali non è indispensabile) e pochi giovani in professioni utili. Crudele mancanza di terreni produttivi per il nostro approvvigionamento alimentare locale: solo il 50% del fabbisogno alimentare. Stiamo svuotando l'Africa e altri Paesi dei loro abitanti, per accumularli in Europa. La vostra visione a breve termine ci sta portando al disastro.

La démographie importée n'est plus supportable. Le taux très élevé d'habitants au km2 , détruit le climat de notre Pays. Trop de monde, de voitures, nécessitant toujours plus de personnel. Trop de personnel dans le secteur tertiaire, ( non indispensable à 50 % ) et manque de jeunes dans les professions utiles. Manque cruel de surfaces productives pour notre alimentation de proximité: seulement 50 % des besoins alimentaires. On vide l'Afrique et d'autres Pays de leurs habitants, pour les accumuler en Europe. Votre vue à court terme nous mène au désastre.

critique
critique
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.
@YERLY

100%

100%

Helga Helga
Helga Helga
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da DE.

Credo che sia necessario accogliere i rifugiati dall'Ucraina per risolvere il problema della mancanza di manodopera. Sono tutti ben istruiti, disposti a lavorare e con una buona esperienza lavorativa.

Ich glaube, dass es notwendig ist, Flüchtlinge aus der Ukraine aufzunehmen, um das Problem des Arbeitskräftemangels zu lösen. Sie sind alle gut ausgebildet, arbeitswillig und verfügen über gute Berufserfahrung.

YERLY
YERLY
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.
@Helga Helga

Penso che l'Ucraina abbia bisogno di persone qualificate per rimettere in piedi il Paese. Impoverire alcuni per arricchire altri non è la soluzione.

Je pense que l'Ukraine, a besoin de personnes qualifiées pour la remise en état du Pays. Appauvrir certains pour enrichir d'autres, n'est pas la solution.

YERLY
YERLY
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.
@Helga Helga

Penso che siano più utili in Ucraina. Il Paese avrà bisogno di persone per ricostruire e rimettersi in forma. In Svizzera, non risolveremo il problema della carenza di manodopera con settimane di quattro giorni e tutti questi congedi di paternità. Questo aumenterà il costo della vita, che sarà insopportabile per la classe media. Le classi a basso reddito saranno aiutate dai contribuenti. Il settore dei servizi e le città stanno distruggendo la nostra economia.

Je pense qu'ils sont plus utiles en Ukraine. La reconstruction et la remise en forme du Pays nécessitera du monde . En Suisse, ce n'est pas avec des semaines de quatre jours et tous ces congés paternités que l'on va résoudre les problèmes du manque de main-d’œuvre. Cela va renchérir le coût de la vie , insupportable pour la classe moyenne. Les classe de bas revenus étant aidées par les contribuables. Le secteur tertiaire et les Villes détruisent notre économie.

Lacroix Elena
Lacroix Elena
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.
@Helga Helga

Ma cosa succede quando tornano a casa? Non è come spogliarsi per vestire l'altro?

Sans doute mais quid lorsqu'ils rentreront chez eux ? N'est ce pas dépouiller l'un pour habiller l'autre ?

critique
critique
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.
@Helga Helga

Mi scusi?

Pardon me??

Salmon-Lake-Thun
Salmon-Lake-Thun
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Mio figlio (svizzero) ha studiato informatica a Montreal. Al termine del suo corso di laurea ha inviato circa 100 cv a varie aziende svizzere. La maggior parte di esse non ha mai risposto e le altre erano alla ricerca di giovani professionisti con una vasta esperienza!!!
Ora lavora in Canada per un fondo che gestisce 350 miliardi di franchi svizzeri con enormi opportunità.

My son (Swiss) studied computer science in Montreal. Upon completion of his BA he sent approx 100 cv's to various swiss companies. Most of them never even replied and the others were looking for young professionals with vast experience !!!
He is now working in Canada for a fund managing chf350 billions with hughe opportunities.

YERLY
YERLY
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da FR.
@Salmon-Lake-Thun

Il settore pubblico svizzero non è molto interessato a persone di talento ed esperte. In questo modo si salverebbero posti di lavoro e si ridurrebbe l'onere amministrativo per le aziende. L'obiettivo: abbassare le tasse per migliorare la vita della classe media.

Le secteur public suisse ne désire pas trop les personnes douées et expérimentées. Là, on pourrait économiser des postes de travail et diminuer la charge administrative des entreprises. But : baisser les impôts pour améliorer la vie de la classe moyenne.

Patrick Cecconi
Patrick Cecconi
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Credo che nel prossimo futuro potremmo essere aiutati dall'ascesa dell'intelligenza artificiale che aumenterà la produttività, che è la leva che le aziende svizzere hanno usato in passato quando si sono trovate di fronte a un calo di competitività dovuto a fattori esterni o interni. Ho anche l'impressione che gli uffici regionali di collocamento non stiano facendo un buon lavoro nel far coincidere le esigenze occupazionali con le competenze disponibili sul nostro territorio, una volta che si esce dalle statistiche ufficiali sulla disoccupazione (cioè si cade nell'assistenza) si è praticamente dimenticati! Mi sembra che si faccia poco per aiutare queste persone a tornare "in sella". Si tratta di un bacino di lavoratori non da poco, che ridurrebbe la pressione sulle finanze pubbliche e migliorerebbe di molto la vita di queste persone.

I believe that in the near future we may get some help on this front from the rise of artificial intelligence that will enhance productivity, which is the lever Swiss companies have used in the past when confronted with falling competitiveness due to external or internal factors. I also have the impression that the regional employment offices are not doing a good job at matching employment needs and the skills available on our soil, once you drop out of the official unemployment statistics (i.e. you fall into assistance) you are basically forgotten! I feel little is being done to help those people go back "on the saddle again". This is no small pool of workers, it would reduce the strain on public finances and would make life much better for this people.

Petrica
Petrica
Il seguente commento è stato tradotto automaticamente da EN.

Pensate che la Svizzera ha bisogno di guardarsi dentro perché ci sono molti professionisti che cercano lavoro in CH dopo il crollo di alcune aziende internazionali.
Tuttavia, lo svantaggio è che la maggior parte delle società di reclutamento non sono preparate a capire quali competenze tecniche professionali cercano e vedono (una carenza di lavoratori qualificati). Credo che questo sia totalmente sbagliato. Ci sono molte persone qualificate e molto istruite in cerca di lavoro.
Queste società di reclutamento devono innanzitutto mettere in discussione la forza lavoro interna e smettere di cercarne una esterna. Con 50 anni in più si ha un vantaggio in termini di conoscenze e competenze tecniche, curiosità e creatività che non si può trovare nelle altre classi.
Credo che il governo debba affrontare questo problema e impegnarsi maggiormente nella tutela della forza lavoro interna prima di cercare un nuovo ingresso.

Think Switzerland need to look inside because they are a lot of professional for jobs in CH after the collapse of a few international companies.
Nevertheless, the disadvantage is that most recruitment companies are not prepared to understand what professional technical skills they look for and see (a shortage of skilled workers). I believe this is totally wrong. They are many qualified and very educated CH personnel searching for a job.
These recruitment companies must first challenge the internal workforce and stop looking for an external one. Hearings 50 + you have an advantage in technical knowledge and skills, curiosity and creativity that you may not find in the other classes.
I think the government need to deal with this problem and be more engaged in protecting the internal workforce before searching for a new entry.

Contenuto esterno
Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

I dibattiti più recenti

Le più recenti opportunità per discutere di argomenti importanti con lettori e lettrici di tutto il mondo.

Bisettimanale

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR