Prospettive svizzere in 10 lingue

Il governo svizzero conferma l’impegno finanziario nell’operazione Credit Suisse

Parlamento
Il ministro delle Finanze Karin Keller-Sutter ha difeso l'accordo UBS-Credit Suisse in Parlamento la scorsa settimana. © Keystone / Alessandro Della Valle

Il governo ha ribadito la sua posizione secondo cui la bocciatura parlamentare del credito per il salvataggio dello Stato non ha "alcun effetto legale".

L’organo esecutivo ha dichiarato mercoledìCollegamento esterno di “riconoscere” la posizione del Parlamento sulla questione, ma ha aggiunto che non avrà alcun impatto sull’accordo di salvataggio da 109 miliardi di franchi svizzeri (121 miliardi di dollari) stipulato il mese scorso per evitare il collasso del Credit Suisse.

La scorsa settimana, una delle due camere parlamentari svizzere si è rifiutata di appoggiare le obbligazioni statali – 100 miliardi di franchi svizzeri per la Banca Nazionale Svizzera (BNS) e 9 miliardi di franchi svizzeri per UBS – che il governo ha assunto a marzo utilizzando poteri di emergenza.

+ Leggi tutto: Il Parlamento svizzero si lamenta invano

Sebbene il voto parlamentare sia stato ampiamente considerato simbolico, alcuni avvocati e politici hanno chiesto chiarezza giuridica alla luce di una legge del 2010 che stabilisce che tali decisioni di emergenza necessitano della successiva approvazione dei legislatori.

Per il governo, tuttavia, la situazione è chiara: il 19 marzo ha ricevuto l’approvazione adeguata da parte di una delegazione parlamentare per le finanze composta da sei membri e a quel punto gli impegni dello Stato nei confronti di UBS e della BNS sono diventati giuridicamente vincolanti.

Questa valutazione legale è stata anche alla base della decisione del Parlamento, ha dichiarato il governo.

Il governo ha ribadito che l’accordo in extremis del 19 marzo era “necessario a causa delle circostanze eccezionali e dell’elevato grado di urgenza per evitare una crisi finanziaria e quindi gravi danni all’economia svizzera”.

“Se la mancata approvazione dei crediti da parte del Parlamento dovesse costringere la Confederazione a revocare in tutto o in parte gli impegni già assunti, la capacità del Consiglio federale di agire in tempi di crisi ne risulterebbe notevolmente compromessa”.

Il governo ha comunque dichiarato che terrà conto della posizione del Parlamento nelle sue future attività e decisioni.

“Da un lato, questo vale per i negoziati con UBS sul contratto di garanzia”, ha dichiarato. “Ma solo nella misura in cui ciò non compromette l’acquisizione del Credit Suisse da parte di UBS”.

Il mese scorso il matrimonio riparatore tra le due maggiori banche svizzere, sostenuto dal governo, ha visto l’acquisizione del Credit Suisse da parte della rivale UBS per 3 miliardi di franchi. L’operazione è stata sostenuta con un totale di oltre 250 miliardi di franchi svizzeri di garanzie e aiuti che hanno suscitato ampie critiche.

Altri sviluppi
DETENTORE DEL POSTO

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR