Riconoscimento per il nostro reportage dalle montagne svizzere

La giornalista di swissinfo.ch Sibilla Bondolfi ha scritto i suoi testi nei luoghi delle Alpi dove ha fatto le sue ricerche per il reportage. swissinfo.ch

Un reportage multimediale che swissinfo.ch ha pubblicato nell’ottobre scorso ha ottenuto il terzo posto nel prestigioso Swiss Press Award. Questo premio costituisce un riconoscimento gratificante del lavoro del nostro team editoriale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2020 - 16:50
Sibilla Bondolfi, Carlo Pisani e Daniel Rihs. Swiss Press Award

In Svizzera ognuno può ormai vivere dove vuole grazie alla digitalizzazione? Anche tra le montagne? Il reportage multimediale di swissinfo.ch risponde a questi interrogativi. Pubblicato nell'ottobre 2019, questo lavoro giornalistico ha vinto il terzo premio dello Swiss Press Award, che assegnato mercoledì 29 aprile.

I tre autori Sibilla Bondolfi (testo), Carlo Pisani (video) e Daniel Rhis (foto), si sono posti una domanda: perché tutti si ammassano nella nebbia dell'Altopiano quando il sole, l'aria fresca e la natura sono così vicini nelle montagne? La rivoluzione digitale non potrebbe rispondere al desiderio di più spazio e libertà e, nel contempo, offrire la possibilità di svolgere un lavoro ben retribuito?

"Abbiamo incontrato persone che possono vivere e lavorare sulle Alpi grazie a Internet. Ci hanno mostrato la loro vita quotidiana e ci hanno raccontato come riescono a guadagnarsi da vivere", spiega Sibilla Bondolfi, giornalista della redazione svizzera di swissinfo.ch.

Questo il risultato:

Il reportage mette in luce le potenzialità della rivoluzione digitale, guarda al passato, mette a confronto immagini romantiche della vita ad alta quota con la realtà tecnologica di oggi e dà la parola a persone diverse, sia attraverso i suoni che le immagini.

Frutto della collaborazione tra la redazione svizzera, il dipartimento multimediale e i servizi informatici, questo lavoro mostra un nuovo aspetto della Svizzera, mette in evidenza il suo attuale stato di sviluppo e affronta il tema in modo critico. Questi elementi sono particolarmente importanti per swissinfo.ch, il servizio internazionale della SSR, che pubblica informazioni in dieci lingue per un pubblico all’estero, dando sempre la priorità alla qualità e all'indipendenza giornalistica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo