Navigation

Afghanistan: 2 militari Isaf e 3 agenti morti in attentati

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2010 - 21:06
(Keystone-ATS)

KABUL - Un kamikaze afghano si è fatto esplodere oggi vicino ad una base congiunta della polizia di frontiera afghana e della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf) nella provincia orientale di Khost, causando la morte di almeno due soldati NATO ed il ferimento di molti altri. Lo ha reso noto la stessa Isaf.
In un comunicato, in cui non si fornisce la nazionalità delle vittime, si precisa solo che l'attentato è avvenuto nel distretto di Ali Sher.
L'attacco è stato rivendicato dai talebani. Un loro portavoce ha detto che è stato compiuto da un mujaheddin infiltrato nella polizia di frontiera afghana.
Intanto nella provincia meridionale di Kandahar, visitata oggi dal Segretario alla Difesa statunitense Robert Gates, un veicolo della polizia ha urtato un rudimentale ordigno esplosivo (ied) che ha causato la morte di tre agenti e di un civile a Lway Karez, nel distretto di Spin Boldak.
Sempre nella provincia di Kandahar, infine, un raid aereo della Nato, scrive l'agenzia di stampa afghana Pajhwok, ha provocato domenica la morte di 15 talebani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo