Navigation

Afghanistan: bomba contro scuolabus, strage di bambine

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2010 - 21:00
(Keystone-ATS)

HERAT - Almeno nove persone, tra cui otto bambine, sono rimaste uccise oggi in Afghanistan nell'esplosione di un potente ordigno artigianale collocato dagli insorti al passaggio del mezzo sul quale viaggiavano nella regione nord-occidentale del paese. Lo ha reso la Forza internazionale a comando Nato (Isaf).
"Almeno nove persone, in gran parte bambini, sono stati uccisi e quattro persone sono rimaste ferite", ha riferito un portavoce dell'Isaf, ridimensionando il bilancio di 13 vittime fornito in precedenza da Abdul Jabar Purdili, capo della polizia della provincia di Nimroz.
"L'ordigno è stato collocato dagli insorti dell'Afghanistan che volevano colpire una colonna di mezzi militari", ha detto Purdili. Il capo delle polizia di Nimroz ha precisato che le vittime viaggiavano su uno scuolabus utilizzato per portare un gruppo di bambine ad una festa di matrimonio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?