Navigation

Afghanistan: tonnellate di esplosivo in container da Iran

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 ottobre 2010 - 16:30
(Keystone-ATS)

KABUL - La polizia afghana ha sequestrato nella provincia meridionale di Nimroz un container proveniente dall'Iran in cui era nascosto, fra utensili da cucina, un enorme quantitativo di esplosivi di diversa natura, stimato dalle forze di sicurezza in 19 tonnellate.
Il capo della polizia di Nimroz, Mohammad Musa Rasuli, ha detto che il container accolto nella dogana di Nimroz City aveva documenti su cui erano registrati utensili come pentole, padelle e vasellame. Ma la sorpresa degli agenti è stata grande quando aprendo alcuni degli scatoloni è cominciato ad emergere il materiale esplosivo.
Rasuli ha sostenuto che la spedizione era stata fatta dall'Iran in un container che mostrava all'esterno simboli e timbri cinesi.
L'alto ufficiale ha detto infine che apparentemente il materiale era destinato ad una società afghana, ma che una inchiesta è stata aperta per risalire a tutti i passaggi del suo contenuto e capire quando l'esplosivo è stato introdotto nel container.
Fonti americane e afghane hanno denunciato in passato che i talebani afghani vengono regolarmente finanziati ed armati da Teheran, una accusa che il governo iraniano ha sempre respinto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.