Navigation

Assicurazione malattia: presidente CDS, differenze non accettabili

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2011 - 17:52
(Keystone-ATS)

L'aumento medio del 2,2% dei premi dell'assicurazione malattia nasconde differenze del 10% a seconda degli assicuratori, ciò che non è accettabile: lo sostiene il presidente della Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS) Pierre-Yves Maillard. La progressione globale è moderata, dopo le "forti esagerazioni" del 2010 e del 2011, fa notare il consigliere di stato vodese.

I costi della salute sono sotto controllo, ha spiegato Maillard all'ats. Fra il 2005 e il 2010 la crescita della spesa annua media è stata del 2,2%. "Putroppo i premi subiscono invece soprassalti inspiegabili", ha aggiunto. Per quanto riguarda le riserve delle casse, l'esponente socialista ha detto che gli assicuratori "ci hanno intossicato nel 2009", incassando 500 milioni di troppo. Nel 2010 i costi sanitari sono aumentati dell'1,7%, mentre l'incremento dei premi è stato dell'8,7%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?