Navigation

Aste: Sotheby's, urlo Munch a NY per 80 milioni di dollari

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2012 - 22:22
(Keystone-ATS)

Ha avuto il volto di un teschio, di un verme, di un feto, ma anche di Burt Simpson e di Macaulay Culkin in 'Mamma ho perso l'Aereo'. "L'urlo" di Edward Munch è una delle immagini più conosciute dell'arte moderna, soprannominata dagli esperti "il ritratto di un'anima".

Una versione dell'opera realizzata a pastello e caratterizzata da un mix di dodici colori diversi, la terza di una serie creata tra il 1893 e il 1910, si prepara ad infrangere parecchi record. "L'urlo" verrà infatti battuto la settimana prossima - il 2 maggio - all'asta da Sotheby's, a New York. E la stima è da capogiro: 80 milioni di dollari, la cifra più alta mai fissata prima della vendita dalla casa d'aste, come riporta il Wall Street Journal.

Nel corso della sua vita il dipinto è appartenuto a sole tre famiglie, la prima delle quali faceva capo ad un magnate del caffè tedesco che si pensa abbia commissionato il lavoro a Munch.

In attesa della gara per aggiudicarsi il quadro Sotheby's lo ha inviato in Asia, Nord America ed Europa, perché i grandi collezionisti interessati all'acquisto possano prenderne visione. Tra i più quotati c'è la famiglia reale del Qatar, che sta costruendo un vero impero sull'arte e poco tempo fa si è aggiudicata anche "I giocatori di carte" di Paul Cezanne per la cifra astronomica di 250 milioni di dollari.

Altri papabili acquirenti sono il miliardario svizzero Lily Safra, il leader dei cosmetici americano Ronald Lauder, l'industriale russo Roman Abramovich e l'armatore Greco Philip Niarchos.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?