Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Il più caldo pianeta della Via Lattea potrebbe essere anche quello con la vita più breve perché ha un destino già segnato: la sua stella lo sta divorando. A immortalare in diretta una stella che sta 'mangiando' il suo pianeta è stato il telescopio spaziale Hubble, di Nasa e Agenzia Spaziale Europea (Esa), e la scoperta è annunciata sulla rivista The Astrophysical Journal Letters.
"Abbiamo visto una grande nube di materiale intorno al pianeta che sta 'scappando' ed è catturata dalla sua stella" ha osservato Carole Haswell della università britannica Open University, che ha coordinato lo studio.
Chiamato WASP-12b, il pianeta dista 600 anni luce dalla Terra, nella costellazione dell'Auriga. Secondo i calcoli degli astronomi, sarà completamente divorato dalla sua stella nel giro di 10 milioni di anni.
Fatale per questo sfortunato pianeta, che ha una massa quasi doppia rispetto alla massa di Giove, è stata la vicinanza troppo stretta alla sua stella che non solo ha messo in pericolo la sua vita ma rende anche le sue temperature infernali, vicine ai 1.500 gradi, tanto da farne un pianeta da record, il più bollente di tutta la nostra galassia.
Ma i problemi dovuti alla stella madre, WASP-12, non sono ancora finiti: le cosiddette forze di marea della stella creano anche un altro inconveniente al pianeta, 'stirandolo' fino a farlo somigliare a un pallone da football.

SDA-ATS