Navigation

Attacco armato a base marina Karachi, vittime

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2011 - 07:44
(Keystone-ATS)

Un commando terroristico composto da una ventina di talebani pachistani ha attaccato ieri sera a Karachi (Pakistan meridionale) una delle principali basi militari del paese. Le vittime accertate finora sono fra cinque e undici. Scontri a fuoco sono in corso anche stamattina.

I membri del commando sono riusciti a penetrare facilmente all'interno della base navale P.N.S. Mehran, quartier generale dell'aviazione della Marina del Pakistan, provocando una lunga serie di esplosioni, ed appiccando il fuoco a infrastrutture e mezzi bellici.

L'operazione - realizzata a tre settimane dall'uccisione ad Abbottabad di Osama bin Laden - è stata rivendicata del movimento estremista Tehrik-i-Taliban Pakistan (TTP), molto vicino ad Al Qaida, e i cui portavoce hanno giurato di vendicare la morte per mano degli Americani del capo di quest'ultima organizzazione.

Lo stesso TTP si è reso protagonista, nel nome di Bin Laden, nei giorni scorsi di un massacro di reclute delle Guardie di frontiere a Charsadda il 13 maggio e di un attacco venerdì scorso a due auto blindate del consolato americano a Peshawar.

Ingenti forze di sicurezza hanno circondato l'interno perimetro della base. La spettacolare operazione ha ricordato un simile attacco in grande stile che ha avuto per obiettivo nel 2009 il quartier generale dell'esercito a Rawalpindi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.