Navigation

Australia: 60mila km in quad, record da guinness ma tragedia

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2011 - 09:07
(Keystone-ATS)

Dopo aver percorso 60 mila km in 3 continenti e 38 paesi in 14 mesi, conquistando un primato da Guinness per il più lungo percorso in quad (le moto a quattro ruote), due australiani hanno tagliato il traguardo a Sydney, in omaggio al compagno di squadra morto tragicamente a metà viaggio. Jamie Kenyon di 25 anni e Kristopher Davant di 27, noti come Expedition Quad Squad, hanno traversato sabato il ponte sulla baia sui loro mezzi, scortati dalla polizia e da centinaia di motociclisti, nella tappa finale di un viaggio iniziato a Istanbul.

I due ragazzi avevano quasi rinunciato dopo la morte del compagno, l'italiano Valerio De Simoni di 24 anni, la cui moto era stata travolta da un'auto fuori controllo in Malawi. L'investitore cercava di sfuggire all'inseguimento della polizia, per evitare di pagare una multa di divieto di sosta.

Oltre a demolire il record precedente di 27.141 km, la Quad Squad ha usato l'avventura per sostenere la Ong Oxfam e ha raccolto l'equivalente di circa 40 mila euro per la lotta alla povertà. Dopo aver attraversato in trionfo il Sydney Harbour Bridge, Kenyon e Davant sono stati accolti da una folla di ammiratori in uno spiazzo davanti alla baia. La madre di Valerio, Vittoria Pasquini, li ha ringraziati per aver completato il viaggio in onore del figlio e ha annunciato la creazione di un'associazione in sua memoria, in aiuto dei giovani profughi dalle guerre in Afghanistan e in Africa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.