Navigation

Averi del clan Ben Ali bloccati in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2011 - 18:21
(Keystone-ATS)

Averi appartenenti all'ex presidente tunisino Zine El Abidine Ben Ali e a persone a lui vicine sono stati bloccati in Svizzera. Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), che ha confermato la notizia diffusa da diversi giornali, non ha precisato se si tratti di conti bancari o di beni di altro genere e neppure il valore complessivo.

Il Consiglio federale ha deciso mercoledì di bloccare gli "averi e le risorse economiche" del clan di Ben Ali. Secondo i media, ci sarebbero verosimilmente conti in una o più banche ginevrine e beni immobili nei cantoni di Ginevra e Friburgo. Inoltre un aereo appartenente al genero di Ben Ali si troverebbe all'aeroporto di Ginevra.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.