Navigation

Batterio killer: Germania, 15 vittime, 6 confermate

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2011 - 13:28
(Keystone-ATS)

Il bilancio delle vittime (confermate e presunte) dell'epidemia da Escherechia Coli che ha colpito la Germania è salito oggi a 15 (rispetto alle 14 di ieri), mentre l'istituto tedesco Robert Koch per la salute Pubblica ha accertato che finora sei persone (rispetto alle tre di ieri) sono decedute in seguito alla violenta infezione.

Sempre secondo l'istituto, dall'inizio di maggio sono stati accertati in Germania 373 casi di sindrome emolitica uremica (Hus), la versione resistente e più pericolosa del ceppo Ehec del batterio E.Coli.

Una donna di circa 50 anni è intanto morta in un ospedale del sud ovest della Svezia dopo essere stata contaminata dal batterio, probabilmente contratto durante un soggiorno in Germania. Lo hanno detto fonti ospedaliere, sottolineando che si tratterebbe del primo caso conosciuto di decesso fuori dai confini tedeschi.

La donna è morta in un ospedale di Goteborg dove era stata ricoverata domenica. Dopo la Germania, la Svezia è il paese più colpito in Europa dal cosiddetto batterio killer.

Anche la Repubblica ceca ha segnalato il primo presunto caso. Secondo quanto reso noto dal sito del quotidiano economico Hospodarske, è stato ricoverato oggi a Praga un uomo che soffre di diarrea sanguinosa dopo esser tornato da un viaggio d'affari in Germania.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.