Navigation

Bce: Sarkozy, sostegno a Draghi, Italia manterrà parola

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2011 - 16:19
(Keystone-ATS)

La Francia continua ad appoggiare la candidatura di Mario Draghi alla presidenza della Banca centrale europea, ed è fiduciosa che l'Italia manterrà la parola data. Lo ha detto il presidente francese Nicoals Sarkozy a Berlino, aggiungendo che avere due membri italiani nel board non è una soluzione europea.

"L'Italia si è impegnata con la sua parola. Non ho alcuna ragione di dubitare della parola dell'Italia - ha detto Sarkozy riferendosi alla promessa di Roma di ottenere le dimissioni di Lorenzo Bini Smaghi dal 'board' della Banca centrale europea (Bce).

"Anche se i piani di carriera degli uni e degli altri sono assolutamente appassionanti, essi sono meno importanti rispetto all'interesse generale", ha proseguito.

"C'è una regola, che è una regola non scritta, che ciascuno conosce bene", ha quindi ricordato il presidente francese, secondo il quale "è nell'interesse della Bce vedere rappresentati i grandi paesi nel direttorio della Bce". E poi: "Forse si può considerare che la Francia è un grande paese e forse si può considerare che avere due italiani su sei membri del direttorio della Bce non sarebbe una soluzione estremamente europea. Dire questo, mi sembra dire una cosa di buonsenso".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?