Navigation

Bce compra ancora bond e incalza Italia su misure

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2011 - 20:16
(Keystone-ATS)

Prosegue l'intervento di sostegno a Italia e Spagna della Banca centrale europea, che continua ad acquistare i loro bond, ma prosegue anche il suo pressing sui governi: la parola d'ordine di queste ore è fare in fretta con le misure annunciate, e ad incalzare Roma e Madrid oggi ci pensano il presidente della Bce Jean Claude Trichet e quello dell'Eurogruppo Jean Claude Juncker. E l'ennesima presa di posizione arriva anche da Bruxelles, che esclude nuovi vertici perché per ora serve solo "applicare in fretta le decisioni già prese".

Le istituzioni europee e la Banca centrale sentono di aver fatto tutto il possibile, e ora tocca ai governi accelerare con l'applicazione delle misure stabilite: "Ciò che ci aspettiamo, è che i governi facciano quello che noi consideriamo essere il loro lavoro, all'altezza delle loro responsabilità", ha detto Trichet oggi.

Gli fa eco Juncker, che invita l'Italia a fare "i passi necessari per portare avanti il suo programma di riforme per il 2013-2014". Mentre la Commissione europea chiarisce una volta per tutte che la palla è ora solo nel campo degli esecutivi nazionali: "Non sono previsti vertici o altre riunioni, non è tempo di prendere decisioni ma di applicare quelle già prese", ha detto un portavoce oggi.

La fretta dell'Europa è del resto una scelta obbligata: l'intervento 'non convenzionale' della Bce, che oggi ha confermato di essere "attiva sul mercato secondario", non si sa quanto possa durare. E non si sa nemmeno se sarà in grado di sostenere del tutto Italia e Spagna con i loro titoli in sofferenza. Per questo la soluzione passa per i Paesi stessi, che devono ridare fiducia ai mercati ora scettici sulle promesse della politica, e ansiosi di vedere i segni tangibili delle scelte che faranno ripartire la crescita economica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?