Navigation

Bielorussia: governo dispone chiusura ufficio Osce a Minsk

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 dicembre 2010 - 16:48
(Keystone-ATS)

MINSK - La Bielorussia ha oggi disposto la chiusura dell'ufficio di Minsk dell'Osce, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Lo ha reso noto il ministero degli esteri.
"La Bielorussia ha deciso di non far proseguire le operazioni dell'ufficio dell'Osce a Minsk", ha detto senza aggiungere altro il portavoce Andrei Savinykh.
L'annuncio fa seguito alle critiche venute dall'Osce dopo le elezioni presidenziali del 19 dicembre scorso. Gli osservatori dell'organizzazione avevano affermato che il voto non è stato libero e che la polizia aveva usato la mano pesante contro gli oppositori.
Le elezioni hanno visto la riconferma del presidente uscente Alexandr Lukashenko. Subito dopo l'annuncio dei primi risultati, migliaia di manifestanti erano scesi in piazza nella capitale Minsk per denunciare irregolarità e brogli.
Erano seguiti violenti scontri con la polizia e centinaia di arresti. Erano finiti in carcere anche diversi candidati che avevano partecipato alla corsa presidenziale. Cinque di loro saranno processati con l'accusa di essere stati gli organizzatori della protesta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?