Navigation

Bielorussia: oltre 250 oppositori arrestati

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2011 - 08:14
(Keystone-ATS)

Almeno 250 oppositori, fra cui molti giornalisti, sono stati arrestati ieri in Bielorussia per aver partecipato nei giorni scorsi a manifestazioni convocate su internet: lo rende noto il gruppo di difesa dei diritti umani Vyasna.

Le manifestazioni contro il regime del presidente, Aleksandr Lukashenko, sono state convocate da un network internet del dissenso, "Rivoluzione attraverso la rete sociale", che invitava a riunirsi in nove punti della capitale bielorussa Minsk, "per fare la conoscenza". Si trattava del sesto raduno di "protesta silenziosa" convocato dai gruppi d'opposizione nell'ultimo mese.

Nei giorni scorsi l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) ha protestato con la Bielorussia per la repressione delle pacifiche manifestazioni di cittadini, chiedendo al governo di Lukashenko, definito dagli Stati Uniti "l'ultimo dittatore d'Europa", di liberare gli oppositori detenuti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.