Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avvio di seduta in flessione per la Borsa svizzera, su cui prevale l'insicurezza dovuta ai problemi nucleari nel Giappone e alla situazione in Libia. Poco dopo le 09.10, l'indice dei titoli guida SMI cedeva lo 0,14% a 6218,34 punti. Sul mercato allargato, l'SPI arretrava dello 0,26% a 5648,60 punti.

Avvio cauto anche per gli altri principali mercati europei. A Milano, il Ftse Mib segna un rialzo dello 0,11% a 21.585 punti. La Borsa di Parigi ha aperto invece con il Cac 40 in calo dello 0,45% a 3.875,26 punti, come anche Londra con l'indice Ftse-100 che scende dello 0,43% a 5.737,50 punti. A Francoforte, il Dax scende dello 0,47% a 6.749,18 punti, appesantito da Munich Re e Deutsche Bank.

La Borsa di Tokyo ha chiuso le contrattazioni con un ribasso dell'1,65%, dopo i guadagni della vigilia, quando il mercato aveva registrato un aumento del 4,36%. Il rallentamento è legato alle notizie sull'incertezza che circonda ancora la condizione della centrale nucleare di Fukushima e l'innalzamento dei livelli di radioattività nell'acqua di Tokyo.

Chiusura in calo ieri sera anche per Wall Street. Il Dow Jones ha perso lo 0,15% a 12.018,63 punti, il Nasdaq lo 0,31% a 2.683,87 punti mentre lo S&P 500 è arretrato dello 0,36% a 1.293,75 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS