Navigation

Borsa svizzera: avvio in lieve rialzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 dicembre 2010 - 09:43
(Keystone-ATS)

ZURIGO - Partenza positiva alla Borsa svizzera, contrariamente alle altre piazze europee, influenzate dallo scarso ottimismo espresso ieri dalla Federal Reserve, la banca centrale americana, e dai nuovi timori sull'estendersi della crisi del debito sovrano in Eurolandia. Verso le 09:30 il listino principale SMI segna 6568,04 punti, in crescita dello 0,34%. L'indice allargato SPI è a quota 5873,61 (+0,21%).
La Federal Reserve ha confermato ieri il suo piano di stimolo da 600 miliardi di dollari, affermando che l'espansione economica americana non è stata abbastanza forte da ridurre l'occupazione. Dalla Bank of Japan è invece arrivata l'indicazione di un calo della fiducia delle grandi imprese a dicembre rispetto al trimestre precedente.
A Wall Street il Dow Jones ha chiuso con un incremento dello 0,42% a 11.476,54 punti e il Nasdaq dello 0,11% a quota 2627,72. La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi in lieve ribasso dello 0,07%. L'indice Nikkei si è portato a 10.309,78 punti.
Avvio in calo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in ribasso dello 0,43% a 20.620. Apertura in discesa anche per la Borsa di Londra, con l'indice Ftse100 che perde lo 0,35% a quota 5870,41. Francoforte ha pure avviato la seduta con una flessione dello 0,28% a 7007,49 punti. Stessa tendenza a Parigi, dove l'indice Cac 40 è in calo dello 0,33% a 3889,84 punti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.