Navigation

Borsa svizzera: chiude in ribasso, SMI -0,29%

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 maggio 2011 - 18:03
(Keystone-ATS)

Giornata senza grossi stimoli quella vissuta oggi alla Borsa svizzera che ha risentito anche del fatto che le piazze di New York e Londra sono chiuse per festività. Se durante la seduta l'andamento dei listini era piuttosto incerto, nel tardo pomeriggio si è imposta una tendenza al ribasso. Alla fine l'indice giuda SMI ha chiuso in calo dello 0,29% a 6'470,80 punti e quello allargato SPI ha perso lo 0,24% portandosi a 5'951,74 punti.

Oggi erano sotto pressione alcuni titoli bancari. In particolare UBS (-1,11% a 16,10 franchi). L'istituto ha risentito delle dichiarazioni rilasciate al quotidiano "Wall Street Journal" dal suo capo del Privatbanking Jürg Zeltner, secondo il quale l'inasprimento della crisi dell'euro e la forza del franco frenano la gestione patrimoniale dell'UBS. In particolare, ha dichiarato il responsabile del comparto, nelle ultime settimane, le attività della clientela molto facoltosa sono state molto contenute. Chiude in calo anche CS (-0,41% a 36,55 franchi), mentre Julius Baer si limita a un -0,08% scendendo a 37,01 franchi.

Oggi sui listini hanno pesato i ribassi di Roche (-0,74% a 147,00 franchi) e di Transocean (-1,25% a 59,10 franchi). Hanno chiuso in calo anche Nestlé (-0,09% a 54,40 franchi), Zurich Financial (-0,62% a 224,90 franchi) come pure Richemont (-0,92% a 54,10 franchi)

Invece la giornata è stata più serena per il riassicuratore Swiss Re che ha ripreso fiato dopo le perdite degli ultimi giorni. In chiusura il titolo ha segnato un +1,01% a 50,20 franchi. Seduta positiva infine anche per Novartis (+0,28% a 54,10 franchi) e ABB (+0,18% a 22,61 franchi).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?