Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Sul finale di seduta la Borsa svizzera ha perso parte dei guadagni registrati in giornata, parallelamente al peggioramento degli indici a Wall Street. Il listino principale SMI ha chiuso a quota 6321,92, in aumento dello 0,27%. L'indice allargato SPI ha terminato a 5577,68 punti (+0,02%).
Negli Stati Uniti sono stati pubblicati alcuni dati macroeconomici. La spesa personale, indicatore dei consumi privati, è rimasta invariata ad aprile contro la stima di un aumento dello 0,3%, malgrado i redditi siano cresciuti dello 0,4%, come atteso. L'indice dei responsabili per gli acquisti del distretto di Chicago è sceso a 59,7 in maggio da 63,8 in aprile. L'indice di fiducia dei consumatori americani calcolato dall'Università del Michigan a maggio è salito a 73,6 da 72,2 di aprile. Gli economisti scommettevano su un rialzo maggiore.
I dati pubblicati oggi in Svizzera sulle esportazioni non hanno avuto un grande impatto sui listini, hanno osservato gli operatori. In aprile l'export dell'industria orologiera è cresciuto dell'11,5%. Malgrado ciò Swatch ha perso l'1,37% (a 302,90 franchi), Richemont il 2,47% (a 37,87 franchi). Ieri quest'ultima aveva annunciato un utile per l'esercizio 2009/10 inferiore alle attese.
L'UBS, in positivo stamane, ha terminato in calo dell'1,22% (a 15,43 franchi). Anche il Credit Suisse è scivolato al di sotto della parità (-0,11% a 45,15 franchi). Tra gli assicurativi, Zurich Financial ha segnato un aumento dello 0,72% (a 236,70 franchi), mentre Swiss Life è in calo dello 0,24% (a 123,70 franchi) e Swiss Re dello 0,36% (a 47,18 franchi).
Quanto ai titoli difensivi di peso, la Novartis ha dato un chiaro sostegno al listino, con una progressione dell'1,45% (a 52,60 franchi). Lo stesso vale per la Roche, che è avanzata dello 0,95% (a 159,30 franchi). La Nestlé è in crescita dello 0,38% (a 52,50 franchi).
Fra gli altri valori guida, sono in chiara progressione Synthes (+1,92% a 122,30 franchi) e SGS (+1,60% a 1463 franchi). Calo dell'1,91% (a 256,90 franchi) per Syngenta. Gli operatori hanno indicato che ieri la concorrente Monsanto ha lanciato un avvertimento sugli utili.

SDA-ATS