Navigation

Borsa svizzera: mattinata in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 maggio 2011 - 11:34
(Keystone-ATS)

Mattinata in ribasso per la borsa svizzera: alle 11.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 6489,16 punti (-0,57% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI era in flessione dello 0,45% a 5990,94 punti.

Gli operatori parlano di una fase di assestamento, influenzata anche dal ritorno di fiamma della crisi dell'euro, con l'attenzione puntata di nuovo sulla Grecia. Sul mercato circolano voci che vedono Atene necessitare di ulteriori aiuti e si parla addirittura di una uscita dalla zona euro. Mancano per contro notizie aziendali di rilievo: anche in Svizzera la stagione dei trimestrali è praticamente conclusa. Fra i big manca ancora Adecco (-0,09%), domani sarà il suo turno.

Le difficoltà dell'euro pesano sui bancari UBS (-2,00%), Credit Suisse (-1,52%) e Julius Bär (-1,63%). In flessione sono anche gli assicurativi Swiss Re (-0,39%) e Zurich (-1,02%). Fra i titoli più legati alla congiuntura ABB (-0,30%) contiene le perdite, mentre Holcim (-1,82%) soffre per il il fatto che da oggi è scambiata senza dividendo. Transocean (-2,14%) è in forte calo. Cercano invece di frenare almeno in parte la tendenza ribassista Novartis (-0,19%) e Nestlé (-0,37%), mentre più staccato è il terzo difensivo di peso, Roche (-1,10%).

Per quanto riguarda il mercato allargato sorvegliata speciale è Swiss Life (-1,06%), al centro ancora una volta di voci su una possibile fusione: l'idea che l'azienda possa essere rileva da Allianz è priva di fondamento, ha risposto sulla stampa domenicale il numero uno Bruno Pfister. Clariant (+2,53%) approfitta di cambiamenti di raccomandazione operati da alcune banche dopo la pubblicazione venerdì dei trimestrali. In forte crescita Metall Zug (+2,70%), che sempre venerdì ha annunciato di studiare la possibilità di separare il settore immobiliare. Cicor (+8,00%) ha comunicato oggi l'ampliamento delle sue capacità produttive in Cina.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.