Navigation

Borsa svizzera: mattinata negativa

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2010 - 11:57
(Keystone-ATS)

ZURIGO - Mattinata negativa per la Borsa svizzera, in un mercato caratterizzato da un basso volume di contrattazioni. "Siamo nell'ultima settimana dell'anno. Non ci si può attendere molto", ha spiegato un broker. Alle 11.20 circa, l'indice dei titoli guida SMI è a quota 6573,53, in calo dello 0,39%. L'indice allargato SPI perde lo 0,42% a 5895,64 punti.
Come atteso, nella pausa natalizia la Cina ha deciso un aumento dei tassi d'interesse. In Giappone il Nikkei ha comunque guadagnato terrerno. Tuttavia i future sulle azioni statunitensi segnalano un'apertura negativa a Wall Street.
Non sono attese novità di rilevo che possano smuovere i listini. Domani negli Stati Uniti saranno diffusi dati sul mercato immobiliare e giovedì sarà comunicato l'indice dei responsabili degli acquisti.
Fra le blue chip elvetiche, solo Roche (+0,07%) e Synthes (+0,16%) sono in controtendenza. Novartis registra un ribasso dello 0,35%, Nestlé pure dello 0,35%. La flessione più pesante è segnata da Lonza (-2,01%).
Fra i titoli finanziari, perdita dell'1,27% per UBS, dello 0,70% per Credit Suisse e dello 0,36% per Julius Bär. Swiss Re scende dello 0,58% e Zurich Financial dello 0,24%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?